Venezuela, anche il generale dell'aeronautica contro Maduro: "Guaidó è il nostro presidente, difendiamolo"

Il sostegno al capo dell'Assemblea Nazionale è arrivato dal direttore della pianificazione strategica dell'alto comando militare dell'Aviazione bolivariana. Che di Maduro dice: "Ogni giorno ha due aerei pronti per lui, se ne vada. Il Venezuela ha già sofferto abbastanza"

Il governo del presidente Nicolás Maduro, perde un altro pezzo. In queste ore di scontri di piazza, anche un generale dell'Aeronautica venezuelana, Francisco Esteban Yanez Rodriguez, direttore della Pianificazione strategica dell'alto comando militare dell'Aviazione bolivariana, si è schierato con Juan Guaidò, il giovane leader 35enne autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela in attesa di nuove elezioni.

Il discorso contro Maduro

"Sono il generale Francisco Esteban Yanez Rodriguez e riconosco il presidente Juan Guaidò". Le riprese su di lui si aprono così. Il generale, ripreso nel video, avrebbe dichiarato "con orgoglio patriottico e democratico di disconoscere l'autorità dittatoriale di Maduro e di riconoscere il deputato Guaidò come il presidente incaricato della Repubblica Bolivariana del Venezuela". "Popolo del Venezuela, il 90% della forza armata non sta con il dittatore. Sta con il popolo. La transizione alla democrazia è imminente, questo popolo ha già sofferto abbastanza", ha detto Yanez Rodriguez. Che ha poi aggiunto: "Il dittatore ha, ogni giorno, due aerei pronti. Vada via". E a conclusione della ripresa avrebbe invitato "il popolo del Venezuela a scendere in strada in maniera pacifica" per difendere Guaidò: "Ai miei commilitoni chiedo di non voltare le spalle al popolo venezuelano, basta con la repressione. Questo è il momento per la patria, il momento della democrazia è arrivato".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 02/02/2019 - 14:41

Maduro farebbe bene ad andarsene subito, finchè nessuno l ocerca. Poi sarebbe catastrofico per lui. Pinageranno comunisti e grillini italici.

Tobi

Sab, 02/02/2019 - 15:13

RAFFINATE TECNICHE DI REGIME — CHANGE Quando un paese ostile (per gli Stati Uniti) è troppo ricco di risorse naturali scatta la guerra, come contro Gheddafi nel 2011, oppure una cospirazione più lenta, ma spesso più efficace, attraverso il finanziamento di un leader delle opposizioni che sostenga le accuse di mancato rispetto dei diritti democratici e la contestuale applicazione di sanzioni internazionali che si traducano in gravi crisi economiche fomentando così l'ovvio malcontento popolare a sostegno del politico compiacente. (SPUTNIK)

Alessandro.Pisan

Sab, 02/02/2019 - 16:34

Il partito del "dittatore" ha preso il 67% alle scorse elezioni (discutibili ma comunque maggioranza pure per i sondaggi) mentre il laidò ha e aveva un consenso popolare da prefisso telefonico. I militari non hanno dovere di schierarsi politicamente ma di obbedire ai rappresentanti del popolo, quando fanno strane uscite decisamente illegali il sospetto è che sia per il vil denaro. Si può giustamente criticare Maduro per l'occupazione dei media e scarse capacità di organizzare la nazione ma sostituire un dittatore eletto con un dittatore nominato da Trump non aiuterà la popolazione venezuelana.

carmann

Sab, 02/02/2019 - 16:34

la situazione del venezuela non può essere paragonata alla libia. nei paesi arabi la maggioranza del paese è in mano a delle tribù e vivono allo stato semi-primitivo ed è per questo motivo che una volta caduto un dittatore si scatenano violente diatribe interne per il potere. fermorestando che gheddafi doveva restare al potere, maduro non è minimamente paragonabile a gheddafi( anche culturalmente), ma è solo un ceffo ignorante e pericoloso per tutto il sudamerica e non capisco come possa avere il controllo del paese a suo piacimento. basta nel 2019 con dittatori comunisti

investigator13

Sab, 02/02/2019 - 17:48

il generale dell'aviazione del Venezuela più che con Maduro se la deve vedere con Putin che lo appoggia. A costui non ha insegnato nulla, la Siria. Assad?. Cmq Maduro appena eletto è volato a Mosca, il che dice tutto.

investigator13

Sab, 02/02/2019 - 19:00

dimenticavo notizia di qualche giorno fa, Maduro ha donato alla Russia 20tonnelate di oro, sempre se ricordo bene per un 1,5 miliardi di dollari tanto per incominciare.

bengaltiger

Sab, 02/02/2019 - 19:04

@alessandro.Pisan : lei parla a vanvera, senza cognizione di causa. Quelle elezioni si sono svolte con l’assenza della stragrande maggioranza dei leader di opposizione poiché o interdetti dai pubblici uffici, o incarcerati o esiliati, con l’astensione dell’82,96% della popolazione, e con documentate, innumerevoli irregolarità e violazioni delle leggi elettorali perpetrate in tutto il paese. Insomma, delle ELEZIONI FARSA. Guaidò, come Presidente del Congresso, appellandosi alla Costituzione ha giurato come Presidente ad Interim in assenza di un Presidente DEMOCRATICAMENTE ELETTO

giac2

Sab, 02/02/2019 - 19:13

In Italia si grida al fascismo ma si inneggia ai dittatori. Tutte le scuse per tenere un dittatore ancorato al suo trono sono buone per la maggior parte delle SX e dei 5*. Non c'ë da essere geni per capire che quei due vanno a braccetto. Immaginiamo quindi cosa sarebbero i 5* da soli al governo: una dittatura basata sulla piattaforma Roussaux + De Battista e Fico. Speriamo che a maggio non vi siano troppi "grilli" per la testa-

cgf

Sab, 02/02/2019 - 19:31

Maduro vai a Cuba e portati i tuoi cubani, ma basteranno due aerei?

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 02/02/2019 - 20:23

come siete cattivi il compagno Maduro ha sempre fatto il BENE della Bolivia comunista, per cui potrebbe andare a CUBA ,in Italia, in Bolivia, dove i compagni lo accoglierebbero a braccia aperte.

alox

Sab, 02/02/2019 - 20:26

Un Paese guidato da un comunista e' paragonabile ad un auto guidata da un cieco: se poi aggiungiamo la dittatura questo cieco accusa tutti gli altri di non vedere e si incolla al sedile come i Maduro/Assad/Putin...e l'Italia li difende e ammira. Poverta', fame, disperazione e guerra sono il nostro futuro...

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Sab, 02/02/2019 - 20:43

finalmente i soldi stranieri iniziano a produrre effetti. sono veramente incuriosito di sapere cosa diranno i sovranisti dé noantri, sovranisti quando gli fa comodo ma asserviti ai massoni/poteri finanziari ecc ecc quando invece si tratta degli altri. BUFFONI!

dagoleo

Dom, 03/02/2019 - 01:16

Maduro vattene finchè sei in tempo. Rischi di fare la fine di Ceaucescu.