Venezuela, Trump: "Non escludo opzione militare"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rifiutato un colloquio telefonico con il suo omologo venezuelano

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rifiutato un colloquio telefonico con il suo omologo venezuelano, Nicolás Maduro, fino a quando non sarà "ripristinata la democrazia nel Paese". Lo afferma la Casa Bianca in un comunicato. "Trump - aggiungela Casa Bianca - ha chiesto a Maduro il rispetto della Costituzione, elezioni libere ed eque, la liberazione dei prigionieri politici e la cessazione delle violazioni dei diritti umani. Al contrario, Maduro ha sceltola via della dittatura". Trump inoltre ha detto che non esclude una "opzione militare" in relazione alla crisi in Venezuela, un paese che, a suo parere, è impantanato in un "pasticcio molto pericoloso". Il presidente Trump ha parlato dopo l'incontro con il Segretario di Stato, Rex Tillerson, il consigliere per la sicurezza nazionale, H. R. McMaster, e l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley. E sull'ipotesi di un intervento è arrivato il commento del ministero della Difesa degli Stati Uniti, Eric Pahon che ha sottolineato come in questo momento non siano arrivate indicazioni al Pentagono su un intervento militare.

Commenti

Mannik

Sab, 12/08/2017 - 08:47

Questo è completamente pazzo. Ovviamente il Venezuale è ricco di petrolio, guarda un po'. Della serie dopo l'Afghanistan e l'Iraq roviniamo un altro paese.

Demy

Sab, 12/08/2017 - 08:53

Altra esportazione di "democrazia" made in Usa.

Carlo36

Sab, 12/08/2017 - 10:06

No Mannik e Demy, la vostra conclusione è fuori posto. Non sapete nulla di quanto succede. Di Petrolio li USA non hanno nessun bisogno e sono i maggiori compratori di greggio del Venezuela. Nei conti di Pedevesa mancano 300 e più miliardi di dollari. La sola figlia di Chavez ne ha più di 4 miliardi. La dittatura è la difesa di chi si è impadronito ed utilizzato misteriosamente questo ammontare. La piccola e media industria è stata distrutta dagli espropri e tutte le imprese espropriate sono fallite. Le grandi imprese sono state prima ricattate e poui espropriate. Decine di migliaia di cubani sono stati portati da Cuba. Hanno ricevuto l'immediato poassaporto cubano e sorvegliano i gangli del governo e dell'esercito per contrastare le ribellioni. Non sapete nulla di questo disgraziato paese. Le dittature di sinistra passano inosservate, ma sono le peggiori. Distruggono i popoli sottomessi a forza.

Ritratto di Loredana.S

Loredana.S

Sab, 12/08/2017 - 10:17

Ha ragione Carlo36! Il Venezuela, ricchissimo paese, è stato distrutto prima da Chavez e poi da questo verme schifoso di Maduro. Gli squadroni di Maduro stanno uccidendo i venezolani senza pietà. E quello che non riescono a fare loro lo fa la fame, la mancanza di assistenza medica, la assoluta povertà in cui è stato trascinato il popolo di questo grande paese. Trump non ha parlato con Maduro e ha fatto bene. I governi dei cosiddetti paesi "democratici" dovrebbero vergognarsi. Fanno finta di non vedere che il Venezuela è stato distrutto e il suo popolo massacrato.

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Sab, 12/08/2017 - 10:33

Gli USA hanno gli arsenali pieni e l'industria bellica deve pur continuare a produrre. Corea del Nord e Venezuela = commesse assicurate.

arkangel72

Sab, 12/08/2017 - 10:42

@Carlo36: credo che lei sia molto informato a riguardo, pertanto Le chiedo se l'opzione militare con un golpe imposto dagli USA e che elimini Maduro sia un evento auspicabile per il martoriato Venezuela?

Reip

Sab, 12/08/2017 - 10:58

Non è pazzo Trump. L’America ha già tutto il petrolio che vuole. Semplicemente Trump è il burattino delle multinazionali delle armi e del petrolio. Anche soltanto minacciare guerra a uno o piu paesi, aumentare la tensione, costringe l'esercito USA alla revisione, alla preparazione e all'approvvigionamento di armi costosissime, all'ammodernizzamento dei mezzi militari, al dislocamento e alla spostamento di intere flotte e milzie da una parte all'altra del globo. Il tutto aumentanto vertiginosamente il consumo del petrolio, l'acquisto di tecnologie militari e ovviamente di altre armi. Per esempio anche soltanto una esercitazione militare congiunta con un altro stato alleato, tipo quelle che gli USA fanno nel mare del Giappone con la marina Giapponese, per “prepararsi” alla guerra con il nord corea, costa centinaia di milioni di euro in carburanti e munizioni, e chi ci guadagna sono solo le multinazionali USA del petrolio e delle armi.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 12/08/2017 - 11:17

---camerati ---dovete studiare di più --perchè al di là delle convinzioni politiche poi ci sono i fatti della storia che sono incontrovertibili----gli states è da tempo che cercano il colpo di stato in venezuela -2 volte hanno tentato di defenestrare chavez senza esito---favorendo frange di estrema destra proprio come nei fatti ucraini---gli schemi americani sono sempre quelli--ormai avreste dovuto conoscerli a memoria---poi hanno scoperto il tallone d'achille del venezuela--il venezuela è un paese geograficamente fortunato poggiato su giacimenti di petrolio--il 90 per cento degli introiti del paese era dovuto alla vendita dell'oro nero--l'errore dei venezuelani è stato quello di non diversificare l'economia-- per gli americani è stato uno scherzetto da ragazzi dare l'input ai paesi arabi di far precipitare ad arte il prezzo del barile--leggetevi i report venezuela e shale oil americano per capire cosa ha mandato a putt. l'economia venezuelana-swag ganja

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 12/08/2017 - 11:18

@Demy e @Mannik - i soliti due ultà comunisti che se la prendono con gli altri per i disastri fatti dai loro beniamini dittatori comunisti. Il solito mantra, danno sempre colpa agli altri dei loro disastri. provate ad immaginare se questi fenomeni di dittatori si fossero dichiarati anche solo leggermente a destra: avrebbero chiesto l'invio di truppe, sciperi in tuttele piazze del mondo. Ma fatela finita, smettetela di fare i buffoni.

Carlo36

Sab, 12/08/2017 - 11:22

@arkange72 Si ha ragione, purtroppo sono molto ben informato, ma non vorrei l'opzione militare. Vorrei solo che i paesi democratici agissero insieme e compatti sequestrando tutti i beni in tutto il mondo rubati e rendessero la vita difficilissima alla oligarchia comunista (loro lo chiamano socialismo, ma non lo è) e che questa venisse giudicata immediatamente dai tribunali internazionali, con grande appoggio delle masse popolari. Non voglio morti, ma solo la libertà per un popolo che soffre da anni. Il disinteresse e l'ignavia sono i migliori alleati di questa dittatura.

Carlo36

Sab, 12/08/2017 - 11:37

Caro Reip, vedo che Lei conosce molto poco degli Stati Uniti, che con Obama, i Clintons hanno creato infiniti problemi finanziari a tutto il mondo con la più grande crisi dal 1929 scatenata e non ancora terminata dai pacchetti di mutui (subprime loans)non performanti senza garanzie venduti alle Banche occidentali(legge Clinton 1995 su Banche e Banche d'Affari) ed infiniti problemi in politica estera:guerre civili in Egitto, Tunisia, Libia, Siria, Irak, Yemen. Nessun Presidente ha causato tanti morti civili come il ballerino di tango, di salsa, nonchè ridicolo premio Nabel per la Pace, anticipato e basato solo sulle sue promesse elettorali: l'ineffabile Obama

Carlo36

Sab, 12/08/2017 - 11:57

Mi corrego: Le migliaia di cubani che sorvegliano il governo e l'esercito venezuelano, hanno ricevuto l'immediato passaporto venezuelano, ma sono facilmente identificabili dal loro accento castigliano. Fanno anche parte della guardia civile bolivariana coperti da mascherine al volto. Dimenticavo: Hanno le chiavi di tutti gli arsenali militari e sorvegliano da vicino l'esercito, sapendo che i militari sono figli del popolo che soffre senza cibo, senza medicine e senza speranza.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 12/08/2017 - 12:15

Non si può attaccare lo psicopatico comunista della Corea del nord perché interviene la Cina? Pronti, un nuovo nemico, il comunista Venezuelano. Questo lo non difende nessuno. E via a svuotare gli arsenali. A loro serve sempre un nemico.

TruthWarrior1

Sab, 12/08/2017 - 13:03

Il suo amico e sponsor #1, Bibi Netanyahoo, è stato messo alle corde dai magistrati israeliani e il partito di riferimento, Likud, si comporta con metodi e vedute sempre più estremisti. Però, dalla loro parte, hanno i Neo-Con americani, i quali vogliono guerre a tutti i costi. La domanda di 7 miliardi di essere umani: "l'utile idiota Trump eseguirà i loro ordini?"

Ritratto di hardcock

hardcock

Sab, 12/08/2017 - 13:13

Ho tifato Trump alle elezioni presidenziali USA e ora sono deluso perchè sta adottando la politica auspicata dalla Clinton. Ho il sospetto che Obama appia riempito tutti i gangli dell'apparato USA di suoi fedeli mussulmani che ovviamente consigliano il presidente pro islam (o lo minacciano)e lui assediato dai media non abbia il coraggio di fare un repulisti che porterbbe solo benefici allo stato ed al mondo intero. Ricordate il nemico è la Russia, Assad va eliminato e le minacce al Gigante cinese che non si fa intimorire. XI Jimping disse in faccia ad Obama in mondovisione, trasmessa da CCTV in occasione del G20, attento che stai giocando con il fuoco e rischi di farti molto male. Molice Linyi Shandong China

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 12/08/2017 - 13:18

Naturalmente l'aggressione USA servirebbe non tanto a rapinare il petrolio quanto a danneggiare Russia e soprattutto Cina. Il regime USA è disposto a tutto pur di continuare coi suoi deliri di egemonia mondiale.

nova

Sab, 12/08/2017 - 13:20

In Venezuela nel 1989 ci fu un tragico evento denominato 'Caracaso' durante il quale la dittatura latino-americana sterminò in cinque giorni più di 1000 venezuelani che dimostravano per l'aumento dei trasporti e di altro.

lonesomewolf

Sab, 12/08/2017 - 14:24

CARLO36, LEI HA PERFETTAMENTE RAGIONE. CHI IVE LONTANO DAGLI USA NON SA TANTE COSE. E NATURALMENTE I SINISTRORSI E I SEGUACI DEL PAPA POLITICO COSI' COME I BUONISTI RAGLIANO ALLA LUNA.

Happy1937

Sab, 12/08/2017 - 15:27

Ausonio, dimostri l'intelligenza di uno che puo`aspirare al premio Nobel al quale, già assegnato al guitto persecutore Fo, era stato candidato perfino l'aiuto scafista prete amico della Boldrini.

giza48

Sab, 12/08/2017 - 15:33

Penso che sia molto duro da digerire per chi è "de sinistra" vedere che il compagneros Maduro sta facendo strage di cittadini (più di 130 morti per lo più giovani) manifestanti e colando a picco, economicamente e civilmente, il Venezuela. Qualcosa non torna nei conti, perchè quando assumono il potere questi amici di Fidel non lo vogliono più lasciare con libere elezioni? C'è per caso qualche differenza tra questa dittatura di sinistra e quelle di destra? Compagni con le fette di lardo agli occhi fate pena umanamente per la vostra stupidità o perfidia.

Armandoestebanquito

Sab, 12/08/2017 - 15:34

Trump e' un pericolo!!!

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Sab, 12/08/2017 - 15:49

In realtà L'arancione ha detto testualmente a Maduro: " fino a quando non adotti integralmente la Costituzione dell'Arabia Saudita, così democratica, io non voglio più parlare con te"

lonesomewolf

Sab, 12/08/2017 - 18:23

ARMANDO, FACCIA UN PIACERE. MANGI E BEVA...DI PIU' NON PUO' FARE.ADIOS.

Renee59

Sab, 12/08/2017 - 20:28

Ipocrita. l'America può fare ciò che alla Russia è vietato.

Renee59

Sab, 12/08/2017 - 20:31

l'America può distruggere il mondo a proprio piacimento, la Russia invece, deve lasciare la Crimea e il Dombass, perché così hanno deciso loro, i padroni del mondo.