Zahi Hawass: "Ad un passo dalla scoperta della tomba di Cleopatra"

Secondo la dichiarazione del massimo esperto di egittologia, sarebbe stata individuata una zona nei pressi di Alessandria d'Egitto dove potrebbero essere sepolti i resti mummificati dell'ultima iconica regina tolemaica.

"Credo di sapere dov'è sepolta Cleopatra".

Zahi Hawass scuote il mondo preannunciando (plausibilmente e in un futuro molto vicino) l'imminenza di una delle più importanti scoperte archeologiche del secolo e lo fa da una gremitissima aula dell'Università di Palermo nella quale ha presenziato ad una conferenza.

Certo, al momento ci si trova nella zona grigia delle supposizioni, gli scavi veri e propri non sono ancora stati effettuati e non c'è "un corpo del reato" da presentare alla giuria, ma se una celebrità del genere in ambito archeologico rilascia una dichiarazione così roboante, probabilmente deve avere in mano dati abbastanza considerevoli da portare a credere il più famoso e preparato egittologo vivente che il ritrovamento forse più agognato di tutta la sua vita sia molto vicino.

Il cerchio si sta stringendo. Studi e sopralluoghi di anni dicono al team di Hawass che il corpo mummificato di Cleopatra Tea Filopatore potrebbe trovarsi a non più di qualche decina di chilometri da Alessandria d'Egitto. Tanti i rinvenimenti di reperti antichi che sono indubbiamente ricollegabili alla figura della famosa regina e alla dinastia tolemaica che ella rappresentava.

Hawass ha anche aggiunto che, oltre ad aver individuato un'interessante zona su cui cominciare a lavorare dopo aver ottenuto i necessari permessi dal Governo egiziano, è fiducioso circa la possibilità di portare alla luce addirittura una doppia sepoltura reale, composta verosimilmente dai resti di Cleopatra e di Marco Antonio.

Nessuno ha fornito, come ovvio che sia, le precise coordinate del luogo in cui si pensa di dover cominciare a scavare, per difendersi da tombaroli senza scrupoli che farebbero carte false per saccheggiare una tomba antica di simile incalcolabile valore. Aleggia tra gli addetti ai lavori una particolare euforia, segno che la strada intrapresa è quella giusta.

Due sono i desideri che oggi ardono nel cuore dell'appassionato e instancabile Professore Hawass, nonché Segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egizie: la scoperta della tomba di Cleopatra e di quella di Alessandro Magno, due obiettivi a lungo termine di non facile realizzazione che alzano l'asticella di una già ammirevole e incredibile carriera professionale.

Commenti

buri

Lun, 14/01/2019 - 21:57

se cos' fosse veranente sarebbe una scoperta sensasionale,,