Montreal, guerra di mafia Ucciso il padrino storico Sterminato il clan Rizzuto

A Montreal, Nicolò Rizzuto, capo della mafia canadese, è stato freddato nel suo residence di lusso. Dal 2009 il clan è stato decimato, 35 omicidi nella città in un solo anno

Montreal - Le teste continuano a saltare nel clan Rizzuto di Montreal. E' toccato anche al boss della mafia siciliana, Nicolò Rizzuto, di 86 anni. Un colpo di pistola lo ha freddato mercoledì scorso mentre si trovava all'interno del suo residence in Avenue Antoine Berthelet, luogo, vicino a Cartierville, in cui vivono diversi personaggi di spicco della criminalità organizzata. La polizia ha fornito pochi dettagli sulle circostanze dell'uccisione, il trentacinquesimo delitto aavvenuto a Montreal a partire dall'inizio dell'anno. L'assassinio di Rizzuto arriva quasi un anno dopo quello di suo nipote, Nick Jr., ucciso in strada a Notre-Dame-de-Grace.

Una lunga serie di omicidi Ma la lista degli omicidi che coinvolge il clan Rizzuto non si ferma qui. La prima vittima è stata Federico Del Peschio, un parente della famiglia Rizzuto, ucciso nell' agosto 2009, vicino al suo ristorante. Un mese dopo è stata la volta di Nick Jr, figlio del presunto padrino di Montreal Vito Rizzuto, ucciso da sei colpi di pistola, quando ha lasciato la sua amante a Notre-Dame-de-Grace. Pochi mesi dopo, a maggio, il fratello di Vito Rizzuto, Paolo Renda, di 70 anni, è stato rapito in strada a Montreal. Risulta tuttora scomparso. Appena cinque settimane dopo, Agostino Cuntrera, di 66 anni, è stato ucciso da un proiettile che gli ha perforato la testa, a Saint-Leonard. Anche la sua guardia del corpo, Liborio Sciascia, di 40 anni, è morta nell' attacco. A fine settembre, un altro omicidio. Questa volta, Ennio Bruni, di 36 anni, considerato uno scagnozzo della famiglia Rizzuto, è stato assassinato mentre usciva da un bar nel quartiere italiano Vimont. Roba da "Il Padrino parte quarta".

Il padrino della mafia Intanto, mentre la sua famiglia viene sterminata, il padrino della mafia italiana a Montreal, Vito Rizzuto, figlio di Nicolò, sta scontando una condanna di 10 anni di carcere negli Stati Uniti per il suo ruolo negli omicidi di tre membri del clan Bonanno di New York, nel 1981.