Moto, la passione dà la scossa al mercato

Le giapponesi Ténéré e Dn-01 lanciano la sfida in stile e hi-tech

Nostro inviato a Singapore

L’industria italiana di moto e biciclette scommette sul mercato del Sud Est asiatico, che rappresenta un potenziale di 580 milioni di persone, con un reddito pro capite che si sta avvicinando velocemente a quello dei Paesi europei. A Singapore l’attrice Sofia Loren ha inaugurato il BikeAsia, il primo salone asiatico delle due ruote che annovera i più competitivi marchi del settore, come Aprilia, Brembo, Colnago, Ducati, Guzzi, MV, Nolan, Piaggio e molti altri. L’industria italiana (con l’esperienza del salone di Milano, Eicma), Confindustria (Anmca), e sostenuta dall’Istituto del commercio estero (Ice), ha gettato le basi per un futuro sviluppo di esportazioni e di ambite joint venture.
«È la prima espansione organizzata nell’area asiatica - ha detto Guidalberto Guidi, presidente Confindustria Ancma - e crediamo, grazie al prodotto tecnologico e al design, di diventare la più importante rassegna dell’area. E per questo abbiamo già fissato il calendario della prossima edizione (19-22 febbraio 2009)». Per l’amministratore delegato di BikeAsia Roberto Fabbri, «la manifestazione copre un vuoto oggettivo. Mancavano, infatti, iniziative fieristiche specializzate in una regione in cui vengono venduti 10 milioni di due ruote l’anno, cioè il 25% del totale delle vendite mondiali». L’Asia rappresenta un mercato in crescita dal 2001 al 2005 del 60% a fronte del 3% dell’Europa, del 18% del Nord America e del 103% dell’America Latina. «Singapore è la porta di ingresso verso i dieci Paesi Asean (Associazione dei Paesi del Sud Est asiatico)», ha detto Lee Yi Shyan, ministro del Commercio e dell’industria di Singapore. Secondo le stime della Fami (Federation of Asian motorcycle industry), infatti, nel 2005 la produzione di veicoli a 2 ruote con motore ha raggiunto i 40 milioni di pezzi (di cui 17 milioni prodotti in Cina, 7,7 milioni in India, 5,1 milioni in Indonesia e 1,8 milioni in Giappone).
Eicma, organizzatrice dell’esposizione internazionale del ciclo e motociclo a Milano, è proprietaria del 50% di BikeAsia, la società costituita per organizzare il salone di Singapore.