Per Charlie Gard le ultime ore di vita. "Negato l'ultimo desiderio"

Il "no" alle ultime volontà dei genitori. Charlie morirà in un centro tenuto segreto

È stato disposto ieri il trasferimento di Charlie Gard in un hospice dove verranno staccate le macchine che lo tengono in vita. Una decisione che ha detto un secco "no" alla volontà della famiglia, che voleva il bambino di 11 mesi, affetto da una rara patologia, la depressione del Dna mitocondriale, trascorresse le sue ultime ore a casa.

Disposizioni arrivare allo scadere del periodo che il giudice aveva concesso perché i Gard scegliessero una clinica per malati terminali dove assistere il piccolo fino alla morte. Il Great Ormond Street si era opposto all'ipotesi dei genitori di portarlo a casa per via dell'invasività delle attrezzature che lo tengono ancora in vita.

"L'ospedale ci ha negato l'ultimo desiderio", ha sbottato Connie, la madre di Charlie, dopo che l'ospedale si è opposto anche alla possibilità di avere uno staff medico nella struttura per malati terminali dove Charlie verrà trasferito. Secondo i medici del Great Ormond Street vivere per alcuni giorni in un hospice non è nell'interesse del bimbo.

Charlie morirà ora in un luogo segreto, rigettata l'ultima richiesta dei genitori.

Commenti

Divoll

Gio, 27/07/2017 - 21:23

Ma perche' questo accanimento disumano contro questo povero bambino e i suoi genitori? Mostruoso. Questo e' davvero il mondo come lo descrisse Orwell. Il che dimostra (come aveva scritto lui stesso nella prima prefazione) che 1984 era il futuro della Gran Bretagna come lui lo vedeva in proiezione.

venco

Gio, 27/07/2017 - 21:45

Non capisco questi genitori che danno tutte le colpe ai medici.

investigator13

Gio, 27/07/2017 - 22:05

quanto cinismo, solo cinismo accanirsi così contro i genitori di Charlie che vogliono il piccolino tra le loro braccia prima di volare in cielo. Quanta cattiveria umana.

gesmund@

Gio, 27/07/2017 - 23:44

In America avrebbero potuto chiedere un risarcimento miliardario e la condanna del giudiche per aver negato cure essenziali, seppur sperimentali ma non prive di fondamento scientifico, se effettuate in tempo, come qualsiasi cura. E danni morali per aver negato la speranza. Inoltre, la vita del bambino avrebbe potuto essere di grande utilità per la scienza e quindi di aiuto per altri che avessero avuto la necessità di quel tipo di terapia. Invece ha vinto la morte, solo la morte e la disperazione. Ma resta l'amore de genitori, genitori veri, veri come la vera madre nel giudizio di Salomone.

lupo1963

Ven, 28/07/2017 - 00:19

Se al posto di questo piccolo Angelo ci fosse stato un cucciolo di balena o di delfino , si sarebbero mobilitati in tutto questo mondo INFAME i media , i social e si sarebbero organizzati ovunque mob o come cavolo si chiamano quelle manifestazioni .

micribol

Ven, 28/07/2017 - 00:40

comunque vada, una preghierina per questa anima innocente e piccolina, possa riposare in pace lontano da questa masnada di bestie che lo circonda.

Jimisong007

Ven, 28/07/2017 - 00:47

Uno studia medicina, lavora ore disumane in ospedali ritenuti di eccellenza poi di fronte ad un caso pietoso un cretino qualsiasi ne sa piu di lui

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 28/07/2017 - 01:28

---investigator13---forse non hai capito---per portare il bambino a casa occorre trasportare appresso tutti i macchinari cui il bimbo è attaccato--macchinari delicati e costosi-- usano un elicottero?--dunque staccare la spina e riportare tutti i macchinari indietro---ma ti sembra ragionevole?---non ti pare che questi due genitori abbiano rotto abbastanza?---e se fossi stato un medico so io dove li avrei già mandati?----controllate che restituiscano il milione di sterline accumulato con la beneficenza sti due qua---swag

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Ven, 28/07/2017 - 02:28

Finalmente I medici del GOSH sono riusciti nel loro intento, non solo ma Charlie morirá in un luogo segreto……perché mai deve morire in un luogo segreto? Come vorrei essere un mosca e potermi posare sul soffitto del luogo segreto e vedere cosa faranno ancora a questo povero sventurato innocente indifeso cucciolo d’uomo. L’era POST-UMANA é iniziata

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 28/07/2017 - 02:46

vicenda troppo strana... non per essere il solito complottista ma nascondono qualcosa questi medici. Scommetto che non saranno nemmeno padroni del corpo del povero figlioletto quando volerà in paradiso

nastagio

Ven, 28/07/2017 - 05:51

...purtroppo anche i genitori di C. Sono causa involontaria del dramma. Incapaci di accettare l'ineluttabile realta' che i loro medici di famiglia hanno sicuramente spiegato loro all'inizio ,hanno scatenato il grottesco tam tam mediatico. La rete ed i media, hanno fatto il resto trasformando gli sfortunati genitori ed il nambino in vittime di una medicina e di una burocrazia ostili, cosa non vera.

Popi46

Ven, 28/07/2017 - 06:14

Proprio non riesco a capacitarmi di tale bestialità (chiedo scusa agli animali)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 28/07/2017 - 07:59

Credo che in certi casi la rassegnazione è la migliore delle cure.L'accanimento mi sembra solo la volontà di apparire ad ogni costo.Se vogliono tenerlo in braccio lo facciano pure è nei loro diritti,ma fare quello che vogliono loro pur di andare contro le istituzioni mi sembra eccessivo e fuori luogo.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 28/07/2017 - 08:40

Io sono basito, questo piccolo, già sfortunato, è vittima anche della burocrazia, gli viene negata ogni cosa, senza contare il tempo perso in scartoffie da parte dei poveri genitori. Forse si poteva fare qualcosa? anche ammesso che ci fosse stata una possibilità su un milione, gli è stata negata. A questo punto vai in pace e proteggi i tuoi genitori come farebbe un bravo angelo custode.

lupo1963

Ven, 28/07/2017 - 11:13

@gianniverde,elkid,venco infami vigliacchi , anche con un neonato ed i suoi genitori ve la prendete per la vostra maledetta ideologia .

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 28/07/2017 - 12:03

@lupo1963: finché non capita a loro, parlano senza sapere.