Napoli, derubato Cavani Svaligiata la sua casa I tifosi temono vada via 

Il "Matador" adesso è "arrabiato e furibondo". I tifosi hanno paura che voglia lasciare Napoli. Già Maradona ed Hamsik sono stati vittime di furti 

Napoli - Edinson Cavani il bomber del Napoli ha sempre più punti in comune con il "Pibe de Oro" Armando Maradona. Entrambi oltre a essere dei campioni sul campo con la maglia del Napoli sono stati vittima di un pesante furto nella loro esperienza nel capoluogo campano.

Se a Maradona nel lontano 1986 i ladri avevano portato via il Pallone d'oro e circa venti orologi preziosi, a Cavani i ladri, dalla sua casa nella zona fra Bacoli e Pozzuoli hanno portato via monili d’oro ed indumenti, tra i quali, pare, maglie da gioco. L’allarme è stato dato questa mattina da alcuni vicini. In casa al momento del furto non c’era nessuno. Infatti il "matador" in questo momento si trova a Montevideo in Uruguay per giocare con la sua nazionale.

Il giocatore dopo aver appreso la notizia è apparso molto contrariato. Lo testimoniano anche le parole del suo procuratore. "È arrabbiato, furibondo", ha affermato Claudio Anellucci. Già qualche tempo fa i ladri avevano fatto visita alla casa di un altro idolo della Napoli calcistica, quella di Marek Hamsik. Allo slovacco avevano rubato un rolex, poi restituito.

Ora i tifosi del Napoli visto l'umore del bomber temono che voglia andare via dalla città e magari andare a giocare da qualche altra parte. C'è un precedente preoccupante. Durante gli anni trascorsi a Palermo, quando vestiva la maglia rosanero, Cavani fu aggredito in auto da due uomini. Tanta paura ma nessun furto. Però Maurizio Zamparini da sempre racconta che quella stessa sera dopo l'aggressione Cavani gli chiese di essere ceduto ad un'altra società...