Napoli, sindaco di Melito: "Gioco al superenalotto per abolire tutte le tasse"

Il Comune di
Melito tenta la fortuna. L’amministrazione comunale ha deciso
di giocare al Superenalotto finché non riuscirà a vincere e
con il premio abolirà le tasse. Il sindaco: "Melito sarà una piccola
Montecarlo"

Napoli - Il Comune di Melito tenta la fortuna. L’amministrazione comunale ha deciso di giocare al Superenalotto finché non riuscirà a vincere e con il premio abolirà le tasse. "Farò di Melito una piccola Montecarlo", spiega al Velino il sindaco Antonio Amiente. "Domenica sera ascoltavo il telegiornale, dove si parlava del jackpot record da 125 milioni di euro - spiega il sindaco - allora ho pensato che potevamo partecipare come Comune, tentare la fortuna e in caso di vincita abolire le tasse per 7-8 anni".

La Giunta appoggia la proposta "Il mattino dopo ho convocato subito i miei assessori, sono tutti d’accordo con me racconta il sindaco di Melito - ne ho parlato anche con diversi consiglieri da cui ho avuto solo incoraggiamenti. Martedì prossimo porteremo in giunta la delibera dell’impegno di spesa, sono 900 euro fino alla fine di quest’anno. Ma continueremo finchè non vinciamo". I soldi saranno presi dal fondo di riserva: "Siamo una delle poche amministrazioni che hanno chiuso il bilancio con un attivo, addirittura di oltre 250 mila euro. Così, dopo aver abolito l’addizionale comunale Irpef, ci siamo fatti un altro regalo. Siamo un’amministrazione vincente e vinceremo anche il superenalotto".

L'appoggio dei cittadini "Ho fatto un piccolo sondaggio e il 97-98% dei cittadini è d’accordo con noi, poi chi vuole che sia contrario quando si tratta di non pagare le tasse? Abbiamo calcolato che, indovinando il sei, potremmo abolirle per oltre sette anni. Voglio fare di Melito una piccola Montecarlo". "Con il Comune iniziamo giovedì prossimo, ma già oggi io giocherò a mie spese e ovviamente eventuali vincite andranno all’amministrazione", continua il sindaco rivelando che giocheranno sempre gli stessi numeri: "Ce li ha consigliati un cittadino che è un esperto. Giochiamo il sindaco, la meraviglia, il popolo, il comune, la stampa, il fotografo, pensiamo siano i più adatti". "Non abbiamo avuto grosse critiche - conclude il sindaco - l’opposizione si è limitata a dire che è un’ottima trovata pubblicitaria. In caso di vincita faremo una grande festa in piazza, con tanto di brindisi, cui inviteremo anche i comuni limitrofi".