Aggrediscono e spingono a terra anziano: arrestati due giovani marocchini

La violenza è avvenuta a Mugnano, nel Napoletano. I marocchini hanno provato la fuga ma sono stati fermati da un agente fuori servizio e dai carabinieri. I due stranieri ora si trovano nel carcere di Poggioreale

Si sono avvicinati ad un anziano, lo hanno spinto a terra e, infine gli hanno sottratto il borsello con i suoi effetti personali. Ma i malviventi, due marocchini di 25 e 27 anni, non hanno fatto i conti con un poliziotto fuori servizio che, notato quanto stava accadendo, è intervenuto riuscendo a mandare all’aria il colpo.

Il raid criminale dei nordafricani è avvenuto a Mugnano, comune alle porte di Napoli. I due stranieri, pensando ad una preda facile, si sono avventati sul pensionato. Incuranti delle possibili e gravi conseguenze, hanno prima strattonato con forza l’uomo e poi lo hanno fatto cadere. L’anziano, steso a terra dolorante, non è riuscito ad opporre resistenza ai rapinatori che, così, hanno avuto gioco facile nello strappargli il borsello.

Fortunatamente per la vittima, proprio in quel momento lungo la strada stava passeggiando un agente libero dal servizio che ha assistito all’aggressione e, senza pensarci, è entrato in azione riuscendo a bloccare immediatamente uno dei due marocchini, il 27enne Ayoub Cherif Mghari. Il suo complice, invece, è riuscito a fuggire. Ma non per molto.

Grazie all’intervento di una pattuglia dei carabinieri di Calvizzano e di una del Radiomobile, l’altro straniero, il 25enne Amine Faqki, è stato individuato e fermato poco dopo prima che scavalcasse una recinzione di un terreno.

Dopo le formalità di rito, i due marocchini sono stati condotti nel carcere di Poggioreale a Napoli. Il bottino, invece, è stato restituito al legittimo proprietario.