Polemica per il camion sui marmi di Palazzo Reale

Il tir nel salone di ingresso del Palazzo reale di Napoli. Gli scatti di alcuni visitatori sono finiti sui social. Invoca chiarimenti il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli

Un camion con gru nel Palazzo reale di Napoli. Non è un fotomontaggio, ma la realtà immortalata negli scatti di alcuni visitatori. Un’immagine è stata pubblicata su Instagram da un utente. L’autocarro è entrato nel salone di ingresso salendo dai gradini e fermandosi sui marmi storici. Invoca chiarimenti il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli.

"Una scena raccapricciante per la quale – auspica - il soprintendente , Paolo Mascilli, mi auguro abbia adeguate e convincenti spiegazioni”. Borrelli chiede di far luce su vari aspetti: “A partire dal chiarire se siano state fatte prove di carico per sapere se l’ingresso del tir potesse o meno danneggiare la pavimentazione, per finire alle motivazioni per le quali è stato scelto un simile modus operandi, rischioso per un bene monumentale di valore inestimabile”.

“Sembra che le operazioni siano legate all’allestimento di una mostra – prosegue Borrelli – e il tutto sia avvenuto tra lo sbigottimento generale dei visitatori presenti. Dalle foto, infine, non sembra essere presente il responsabile sicurezza e sembra altresì che non sia stata presa alcuna cautela per la protezione della scalinata d’ingresso. Circostanze che, mi auguro, vengano chiarite immediatamente. In gioco c’è la tutela del nostro Palazzo Reale”

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di mailaico

mailaico

Sab, 07/12/2019 - 21:52

normale amministrazione. A torino valgono le stesse scene. Pemessi per i vip, corona e altri cornuti fanno circolare chiunque.

caren

Dom, 08/12/2019 - 09:42

Ormai la storia, l'arte, l'antichità, i valori inestimabili del patrimonio ed altro in Italia, sono importanti solo quando conviene, indaffarati come sono un po' dappertutto, ad organizzare convegni, mostre, incontri ecc., che non servono a niente e nessuno.