Crociera nel Golfo di Napoli salta per le condizioni meteo: scoppia il caos a bordo della motonave

Il capitano è costretto a modificare il programma della crociera per le condizioni meteo-marine sfavorevoli. Diversi passeggeri non gradiscono e tentano di aggredirlo

Quella che doveva essere una tranquilla crociera nel Golfo di Napoli per rilassarsi e trascorrere qualche ora lontano dal gran caldo ben presto si è trasformata in un incubo per i membri dell’equipaggio e per i passeggeri della nave "Myriam" della compagnia di navigazione Gestur Srl.

Alcune persone a bordo dell’imbarcazione, infatti, hanno scatenato il caos dopo che, per motivi di sicurezza, era stata modificata la rotta. La decisione ha suscitato il malumore di numerosi passeggeri che, delusi per non poter seguire il programma per il quale avevano pagato, hanno insultato e minacciato il capitano, arrivando anche a spintonarlo.

La motonave, con circa 200 persone a bordo, era partita nella mattinata di ieri dal porto di Pozzuoli ed era diretta a Capri e Amalfi. Nel corso della minicrociera era previsto un tuffo al largo dell'Isola Azzurra, una escursione ad Amalfi e il pranzo a bordo. Il tutto al costo di 50 euro.

Poche miglia dopo la partenza, però, l’itinerario ha subito un brusco cambiamento a causa delle condizioni meteo-marine sfavorevoli.

Il comandante della motonave ha, così, fatto rotta verso Ischia, dove le condizioni meteo erano migliori. Qui i passeggeri hanno potuto fare il bagno e pranzare. Sembrava che tutto andasse per il verso giusto ma al momento di ripartire il comandante ha informato gli ospiti dell'impossibilità di proseguire la crociera secondo il programma previsto.

Gli animi si sono esacerbati e alcuni passeggeri hanno scatenato il caos a bordo, prendendo di mira il capitano. Per evitare che la situazione degenerasse ulteriormente, quest'ultimo si è visto così costretto a fare ritorno a Pozzuoli e, contemporaneamente, ha informato la Capitaneria di Porto di quanto stava accaduto.

La tensione non è diminuita neanche una volta attraccati al porto della città flegrea. Alcune persone, tra membri dell'equipaggio e passeggeri, sono stati ascoltate dai militari per chiarire la situazione. La Gestur si è dichiarata disponibile a rimborsare con un voucher la minicrociera mancata.