Droga e armi a Boscoreale, scattano denunce e sequestri

Controlli a tappeto dei carabinieri al Rione Napoli di Boscoreale, rinvenute dosi di marijuana in un sottoscala e diverse armi

Droga e armi al Rione Napoli di Boscoreale, scattano sequestri e denunce dei carabinieri. Il blitz nelle scorse ore s’è registrato nell’area del complesso residenziale popolare nel comune dell’hinterland vesuviano tra il territorio di via Settermini e via Passanti Scafati: controllate e identificate 86 persone.

Durante i controlli, i militari hanno rinvenuto circa 59 dosi di marijuana. La droga era stata nascosta in un sottoscala all’isolato 10 del complesso edilizio popolare boschese. La marijuana era già confezionata in singole dosi. Gli stupefacenti sono finiti sotto sequestro mentre le indagini, adesso, sono finalizzate a dare un volto e un nome a chi ha nascosto lì la marijuana e a capire a chi era destinata.

Ma non è tutto perché nell’ambito dell’operazione dei carabinieri della stazione di Boscoreale e della sezione operativa della compagnia di Torre Annunziata, sono spuntate fuori anche diverse armi.

In particolare, due sono state le persone che sono state scoperte e sanzionate dai carabinieri. Si tratta di un 33enne residente nella vicina città di Scafati e di una donna, incensurata, di 45 anni del posto.

L’uomo è stato scoperto in possesso di uno sfollagente allungabile in acciaio mentre la signora aveva in casa un fucile. L’arma, una calibro 12 di marca Castellani, presentava le canne sovrapposte. Per la 45enne è scattata la denuncia: risponderà dell’accusa di detenzione abusiva di arma da fuoco.

Intanto, nel corso dell’operazione, è stato denunciato anche un giovanissimo. Si tratta di un 15enne di Torre Annunziata. Il minorenne è accusato di resistenza a pubblico ufficiale. Ha violato l’ordine di alt intimatogli dai carabinieri e ha tentato di fuggire in sella a uno scooter ma è stato bloccato dopo un breve inseguimento dagli stessi militari.

E infine i carabinieri hanno sanzionato altre due persone. Si tratta di un 30enne di Gragnano e di un 26enne boschese, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I due sono stati scoperti alla guida ma dai database dei carabinieri risultava che, a carico di entrambi, era stata revocata la patente di guida.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?