Emergenza rifiuti a Napoli Nord: ritardi nella raccolta e discariche abusive in strada

Cumuli enormi di rifiuti e discariche abusive stanno invadendo le vie di diverse zone a nord di Napoli come Secondigliano, Pianura e Soccavo dove i ripetuti ritardi nella raccolta stanno creando una vera e propria emergenza sanitaria

Nell'area Nord di Napoli sta diventando sempre più seria e grave la problematica legata alla raccolta dei rifiuti. In diverse zone periferiche, tra cui in particolare Secondigliano, Soccavo e Pianura si stanno infatti verificando una serie di ripetuti ritardi nella raccolta della spazzatura, che stanno generando non pochi disagi tra gli abitanti.

La situazione in molti quartieri occidentali di Napoli sta degenerando rapidamente, dal momento che la mancata raccolta dei rifiuti rischia di creare una vera e propria emergenza igienico-sanitaria, complice anche il caldo degli ultimi giorni. Lungo alcune strade si sono, infatti, creati infatti cumuli e cumuli di immondizia, perchè ormai i cassonetti sono strapieni e la gente finisce per buttare tutto per strada. Ad aggravare ancor di più una situazione già al collasso ci sono gli sversamenti illeciti di rifiuti speciali ai bordi delle strade. Questo grave fenomeno, aggiunto ai problemi già esistenti in fatto di rifiuti, ha trasformato alcuni punti di queste periferie in vere discariche abusive a cielo aperto.

Queste problematiche sono state denunciate anche dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto moltissime segnalazioni dai parte dei cittadini di questi quartieri in merito alla condizioni degradanti in cui sono costretti a vivere ogni giorno. Per questo motivo Borrelli ha deciso di intervenire in prima persona, inviando una nota all'Asia e svolgendo un sopralluogo presso il termovalorizzatore di Acerra: "Da parte nostra continuiamo a monitorare la situazione con la massima attenzione. Circa le criticità nella raccolta abbiamo inviato una nota all’Asia per sollecitare un’opera di bonifica delle strade interessate dalla presenza dei cumuli di rifiuti. Nella giornata di mercoledì effettueremo un sopralluogo presso il termovalorizzatore di Acerra per accertarci che le tre linee siano effettivamente tornate in attività”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?