Furto milionario, trafugati quadri dal valore inestimabile e gioielli preziosi

I ladri hanno divelto con facilità le serrature delle porte blindate e si sono introdotti nel lussuoso appartamento del noto avvocato civilista napoletano Carlo Lubrano, scomparso qualche anno fa

Hanno divelto con facilità le serrature delle porte blindate e si sono introdotti nel lussuoso appartamento del noto avvocato civilista napoletano Carlo Lubrano, scomparso qualche anno fa, trafugando quadri molto preziosi e gioielli di grande valore. Un furto milionario quello compiuto da ignoti ladri l’altra sera a Napoli, nel quartiere di Santa Lucia.

Ieri mattina la scoperta del furto da parte di alcuni familiari del legale. Entrati in casa si sono subito accorti che le pareti erano vuote e che i dipinti d’epoca, di un valore inestimabile, erano spariti. I malviventi hanno anche rubato anelli, collane e altri gioielli preziosi.

Un furto compiuto da professionisti. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di San Ferdinando, che hanno avviato le indagini. Gli inquirenti, valutando l’operato dei rapinatori, sono giunti alla conclusione che questi ultimi conoscessero bene cosa era custodito in casa dell’avvocato Lubrano e che abbiano compiuto un saccheggio su commissione. Tra i quadri rubati figuravano opere di Giacinto Gigante e di altri famosi autori della scuola di Posillipo.

Commenti
Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 03/02/2019 - 13:02

Non ci vuole molto a capire come sia stato un furto su commissione! Ma l'appartamento era disabitato da anni? Non so quale contenzioso fosse in atto (magari potevano mettere subito all'asta le suppellettili o dividerle tra gli eredi). Ma come si fa a lasciare oggetti e quadri di valore a disposizione dei ladri? Troppo ci hanno messo, allora, a svaligiarlo. "E poi, in una città come Napoli!" mi verrebbe di aggiungere; non lo faccio 'ufficialmente', ma ormai l'ho detto e mi aspetto, irrimediabilmente, la solita anima bella che mi fa la morale, mi accusa di razzismo e mi dice che lo avrebbero fatto anche a Vipiteno.