Furto sacrilego in una chiesa dei Quartieri Spagnoli: rubato un incensiere d’argento

La polizia, in base alle testimonianze di una suora, ha fermato il ladro a pochi metri dal luogo dove è stato trafugato l’oggetto sacro

L’obiettivo era quello di rivenderlo come argento per racimolare pochi spiccioli o piazzarlo a qualche collezionista per ottenere una cifra più alta, ma il progetto di un 39enne dei Quartieri Spagnoli, a Napoli, è andato in fumo. L’uomo, che si era introdotto di nascosto nella chiesa di vico Tre Re a Toledo per rubare un incensiere, è stato arrestato dalla polizia.

Il ladro, approfittando del fatto che il sacerdote era intento a celebrare la messa, è riuscito a intrufolarsi in sacrestia, in cerca di oggetti sacri da rubare. Davanti ai suoi occhi si è presentato l’incensiere in argento, l’ha afferrato ed è fuggito via. Il suo gesto, però, non è passato inosservato, dato che è stato visto mentre scappava.

Una suora si è accorta del furto e quando i poliziotti hanno raccolto le testimonianze dei presenti ha raccontato l’accaduto, descrivendo anche le caratteristiche fisiche del ladro. Le forze dell’ordine hanno dato la caccia all’uomo e l’hanno trovato a pochi metri dalla chiesa dove è avvenuto il furto. Il ladro è stato arrestato e l’incensiere restituito al sacerdote.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?