Furto sacrilego durante la messa

In manette un 39enne ai Quartieri Spagnoli di Napoli. Accusato di aver rubato un prezioso turibolo d'argento. L'oggetto sacro è stato restituito alla chiesa

Furto sacrilego durante la messa: ruba un prezioso turibolo in chiesa, finisce in manette un 39enne a Napoli. L’episodio s’è verificato nella mattinata di lunedì scorso. Tutto è iniziato dalla segnalazione di un furto alla chiesa di vico Tre Re a Toledo, nell’area dei Quartieri Spagnoli.

Il “colpo” s’era consumato, apparentemente, con una semplicità disarmante. Un uomo, durante la celebrazione della Santa Messa, era penetrato all’interno della sacrestia del tempio. Qui aveva adocchiato il turibolo, un prezioso oggetto sacro in argento, utilizzato per spargere incenso. E se lo era portato via con sé.

Le suore, notata la scomparsa dell’oggetto, hanno immediatamente chiesto aiuto ai poliziotti del vicino commissariato di Montecalvario. Agli agenti è bastato poco tempo per venire a capo dell’accaduto e individuare l’autore del furto sacrilego. S’erano segnati le descrizioni che alcune religiose hanno loro fornito in merito al presunto autore del furto. Così sono riusciti a risalire a un 39enne che hanno rintracciato nell’area di vico Lungo Gelso. Con lui, l’uomo aveva anche il prezioso turibolo rubato.

L’oggetto sacro è stato restituito alle suore e alla chiesa da cui era stato rubato mentre il ladro è finito in manette. L’uomo risponderà dell’accusa di furto aggravato.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?