"I clienti hanno paura, dovete andarvene": titolare di una pizzeria caccia i medici del 118

Succede a Napoli, dove gli operatori sanitari, che stavano soccorrendo una donna, continuano a subire aggressioni sia verbali sia fisiche

Ancora un’aggressione, a Napoli, nei confronti dei medici del 118. Questa volta la violenza subita dagli operatori di pronto soccorso è stata solo verbale. Come ha scritto in una nota l’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”, che tutela il personale sanitario, ieri, in una nota pizzeria del centro storico partenopeo, è intervenuta un’ambulanza per soccorrere una donna.

Giunti sul posto i medici hanno cominciato a prestare le prime cure in una zona del locale dove non c’erano tavoli e clienti, ma hanno dovuto subire l’aggressione della proprietaria della pizzeria, che li ha invitati ad andare via: "I clienti hanno paura, dovete lasciare il locale".

Queste le parole che avrebbe pronunciato la commerciante, a cui i sanitari non hanno prestato attenzione, impegnati nelle cure verso la paziente. A quel punto la titolare della pizzeria si è spazientita e ha cominciati a sbraitare contro i medici, accusandoli di essere anche arrivati tardi.

“Sono queste le aggressioni che fanno ancora più male”, hanno dichiarato i responsabili dell’associazione "Nessuno tocchi Ippocrate". Negli ultimi giorni i medici del 118 sono stati presi di mira a Napoli. L’ultimo episodio due giorni fa: un operatore sanitario è stato offeso e picchiato dai familiari di una paziente, che volevano salire sull’ambulanza.