Irrompe in casa armato di pala e minaccia famiglia di stranieri

Terrore ad Anacapri, finisce in manette un 46enne del posto. L'uomo avrebbe agito senza motivi specifici ma in stato di alterazione psicofisica

Fa irruzione nell’abitazione di una famiglia di cittadini stranieri originari delle Filippine e armato di pala minaccia di fare una strage. Finisce in manette un 46enne. L’episodio s’è verificato ad Anacapri, protagonisti – loro malgrado – alcuni stranieri che si sono visti piombare in casa l’uomo, in evidente stato di alterazione.

L’aggressore, un uomo del posto già noto alle forze dell’ordine che avrebbe agito senza alcuna ragione se non quella di uno stato psicofisico alterato, ha forzato il portone d’ingresso dell’abitazione. Una volta dentro casa, ha preso a danneggiare tutto quanto ha trovato davanti a sè. Ha letteralmente travolto mobili e suppellettili. Armato di una pala, ha urlato che avrebbe ammazzato tutti. I filippini sono riusciti, fortunosamente, a sfuggire alla furia del 46enne anacaprese. Sono fuggiti e uno di loro s’è messo in contatto, con successo, con le forze dell’ordine. Ha spiegato cosa stava accadendo in casa loro e ha chiesto aiuto ai carabinieri. I militari, accolta la segnalazione, hanno subito raggiunto il posto da cui era giunta la richiesta d’aiuto. Sono riusciti in pochissimo tempo non solo a individuare l’autore del folle gesto ma anche ad acciuffarlo, a poca distanza dalla casa abitata dai filippini.

Per il 46enne sono dunque scattate le manette e, dopo le formalità di rito, è stato trasferito in carcere dove rimane a disposizione dell’autorità giudiziaria. Risponderà adesso delle ipotesi di reato di violazione di domicilio, violenza privata e minacce.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?