Maxisequestro di articoli da mare, sigilli a 707mila prodotti

Operazione della Guardia di Finanza a Nola e a San Paolo Bel Sito, in provincia di Napoli. Deferiti alla Camera di Commercio due imprenditori cinesi

Proponevano in vendita articoli per il mare non conformi alle normative di sicurezza, scattano i sequestri nel Napoletano.

L’operazione porta la firma dei militari della Guardia di Finanza della gruppo di Nola che hanno apposto i sigilli su ben 707mila articoli pronti a essere immessi in commercio.

Nel mirino delle fiamme gialle erano finite due attività commerciali, l’una ubicata a Nola e l’altra nel comune di San Paolo Bel Sito, gestite da imprenditori di nazionalità cinese. Nei due negozi, i finanzieri hanno passato al setaccio la merce proposta in vendita al pubblico. E hanno scoperto che erano pronti a essere immessi sul mercato moltissimi articoli, per lo più oggetti da spiaggia e per le vacanze al mare ma anche accessori per la casa e per l’ufficio, che risultavano potenzialmente pericolosi in quanto risultavano non adempiere ai requisiti minimi di sicurezza imposti dalle normative comunitarie e nazionali.

Per queste ragioni è scattato il sequestro mentre i due imprenditori sono stati deferiti alla Camera di Commercio a cui risponderanno delle violazioni al Codice del Commercio che sono state riscontrate nelle loro attività.