Morta la piccola Diana, la bimba di Napoli in attesa di un trapianto

La bimba era in cura all'ospedale Bambin Gesù di Roma in attesa di trovare un donatore compatibile. Proprio in queste ore, però, la triste notizia è arrivata su Facebook

Diana Bisceglia, la bimba di sei anni di Napoli che aveva bisogno di un trapianto di midolo osseo, non ce l'ha fatta. La piccola, per cui si erano mobilitate centinaia di persone sui social, soffriva di una grave malattia ematologica - una aplasia midollare - e aveva bisogno di un trapianto al più presto.

La bimba era in cura all'ospedale Bambin Gesù di Roma in attesa di trovare un donatore compatibile che potesse dare la speranza di continuare a vivere. Proprio in queste ore, però, la triste notizia è arrivata su Facebook. "Da qualche minuto ci è arrivata una notizia che ci ha spezzato il cuore e ci ha tolto il fiato; la piccola Diana è volata in cielo.Diana è una bambina speciale, con una famiglia speciale e con una forza speciale, che in questa sua vita speciale ha dovuto combattere contro una malattia anch’essa speciale. Riposa in pace dolce angelo e veglia sul mondo che ha bisogno del tuo amore speciale", ha scritto sul suo profilo un amico di famiglia, Gaspere D'Esposito.

Il 6 luglio in tantissimi si erano mobilitati per la piccola dopo i vari passaparoli sui social network. Purtroppo, però, per la piccola non c'è stato nulla da fare e solo il trapianto avrebbe potuto salvarla. Migliaia di utenti su Facebook stanno esprimendo in queste ore la loro vicinanza alla famiglia della piccola DIana.

Commenti

Anticomunista75

Lun, 09/09/2019 - 17:26

non sono una persona emotiva ma queste notizie mi riempiono di tristezza. E' ingiusto che una bambina debba morire. Riposa in pace angioletto, Condoglianze ai genitori e ai parenti.

Ritratto di akamai66

akamai66

Lun, 09/09/2019 - 20:18

Eravamo tutti tifosi della piccola Diana, come non esserlo, ma non è bastato, con misteriosa perfidia, di cui non ci daremo mai pace, la vita ha detto: no. Cara Diana, lasci un grande dolore in tutti quelli che ti hanno conosciuto ed amato anche solo attraverso i media perché una simile fine è una insensata e inconsolabile ingiustizia.