Napoli, soccorritore della croce rossa preso a schiaffi davanti all'ospedale Pellegrini

Un soccorritore della croce rossa è stato preso a schiaffi a Napoli davanti all'Ospedale Pellegrini da un passante dopo che l'ambulanza su cui era in servizio ha tamponato un'auto che bloccava il passaggio

Una nuovo caso di aggressione ad un membro del personale sanitario si è verificato a Napoli nel corso della giornata odierna. Sono sempre di più, purtroppo, in città gli episodi di violenza nei confronti di medici e sanitari della croce rossa. A documentare e a denunciare ancora una volta questo preoccupante fenomeno è l'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate, che ha contato già 80 casi di questo tipo avvenuti dall'inizio dell'anno nella città di Napoli.

L'ultimo episodio si è verificato nel primo pomeriggio di oggi in una zona centrale di Napoli, proprio davanti all'Ospedale Vecchio Pellegrini, già teatro di altre aggressioni al personale medico. Un'ambulanza della croce rossa in servizio dialisi stava uscendo dall'ospedale quando, nel fare la manovra, si è trovata incastrata appena fuori all'uscita della struttura, in via della Pignasecca. L'ambulanza ha trovato difficoltà nell'uscire dal momento che proprio fuori al varco c'era parcheggiata un'auto in sosta, che bloccava parzialmente il passaggio. L'automobile è stata per questo motivo leggermente urtata dal veicolo dei sanitari, che hanno trovato non poche difficoltà a compiere la manovra.

Un passante che si trovava a passare per quella strada proprio in quel momento ha iniziato a filmare la scena con il suo smartphone. A quel punto, uno dei soccorritori che si trovava a bordo dell'ambulanza è sceso, si è avvicinato all'uomo e gli ha spiegato che non poteva riprendere mezzo di soccorso con il suo cellulare. Infastidito dalla richiesta dal sanitario, l'uomo gli ha sferrato per tutta risposta un violento schiaffo sul volto, che ha stordito il soccorritore della Croce Rossa. Fortunatamente la malcapitata vittima si è ripresa dopo poco e ha potuto continuare il suo turno di lavoro. L'aggressione è stata comunque denunciata subito alle forze dell'ordine.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?