Nuovo caso di meningite nel Napoletano: è il quinto in pochi mesi

Dopo la vicenda di Vincenzo Di Stazio, 40 anni, chirurgo alla clinica Villa dei Fiori di Mugnano, deceduto in seguito alla malattia, e l’episodio sospetto al pronto soccorso dell’Ospedale del Mare, altri pazienti ammalati sono stati ricoverati tra dicembre e gennaio

Un nuovo caso di meningite nel Napoletano. Questa mattina, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giuliano” di Giugliano in Campania, è arrivato un uomo con febbre molto alta. I medici, dopo i primi esami, hanno immediatamente constatato che la persona febbricitante aveva contratto la malattia infettiva.

In apprensione per lo stato di salute dell’uomo, gli operatori sanitari di Giugliano lo hanno trasferito all’ospedale Cotugno di Napoli, dove potrà essere curato in un centro specialistico.

Nel reparto del nosocomio “San Giuliano”, intanto, è scattata la profilassi con il blocco degli accessi. Tutto il personale medico ha indossato le mascherine e sono stati effettuati i controlli per evitare un'eventuale contagio.

Cresce l’allarme in provincia di Napoli per il quinto episodio di meningite in pochi mesi. Dopo la vicenda di Vincenzo Di Stazio, 40 anni, chirurgo alla clinica Villa dei Fiori di Mugnano, deceduto dopo pochi giorni, e il caso sospetto al pronto soccorso dell’Ospedale del Mare di Napoli, altri pazienti che hanno contratto la malattia infettiva sono stati ricoverati tra dicembre e gennaio, per fortuna senza conseguenze gravi per gli ammalati.