Pane sequestrato e depositi chiusi: blitz del Nas a Vico Equense e Sorrento

Alimenti privi di tracciabilità e locali non adeguati sotto il profilo igienico e sanitario. Le confische dei carabinieri nel Napoletano

Oltre un quintale di pane privo di tracciabilità è stato sequestrato dal gruppo Nas dei carabinieri in un lido di Vico Equense, in provincia di Napoli. Contemporaneamente, a Sorrento, sempre nel Napoletano, è stato chiuso un deposito di una gelateria, perché non rispettava le norme igieniche. Continuano i blitz delle forze dell’ordine nell'ambito dei controlli predisposti tra le attività commerciali, di ristorazione e ricettive nei luoghi turistici.

A Vico Equense i carabinieri hanno trovato 100 chili di saltimbocca, utilizzati per preparare i panini per la clientela, privi di etichettatura e il titolare, che non era in possesso delle certificazioni, non ha potuto dimostrarne la provenienza per far accertare che fosse prodotto e distribuito secondo le norme. Anche il locale non era registrato per l'effettivo utilizzo che ne veniva fatto, non aveva le autorizzazioni e, durante il controllo, è stato accertato che non rispettava i requisiti minimi igienico-sanitari, non potendo assicurare la corretta conservazione degli alimenti.

In una gelateria di Sorrento, invece, il gruppo Nas ha messo i sigilli a un deposito usato per gli alimenti. Anche in questo caso non era adeguato sotto il profilo igienico e sanitario e non era autorizzato.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?