Preso a coltellate per uno schiaffo: arrestato un 18enne al Vomero

L’aggressore è stato individuato dalle forze dell’ordine grazie alle testimonianze raccolte sul posto e ai registri del pronto soccorso, dove si era recato anche lui per una ferita alla mano

È accusato di lesioni gravissime ed è stato denunciato per il possesso di un coltello. I carabinieri della compagnia del Vomero, a Napoli, hanno arrestato un giovane di 18 anni di Miano, nella periferia partenopea, che aveva ferito con una coltellata un 17enne nel corso di una rissa la sera precedente.

La lite, esplosa per motivi banali, era degenerata in seguito ad uno schiaffo, al quale il 18enne aveva reagito con la coltellata. L’aggressore è stato individuato dalle forze dell’ordine grazie alle testimonianze raccolte sul posto e ai registri del pronto soccorso, dove si era recato anche lui per una ferita alla mano.

Ai medici il ragazzo arrestato aveva raccontato una storia falsa, per spiegare quei tagli, ma i carabinieri hanno accertato che in realtà se li era procurati involontariamente nel momento della rissa, con il coltello da 10 centimetri di lama che aveva usato per tirare i fendenti contro il 17enne, colpendolo alla nuca, a una spalla e al deltoide.

L’aggressione è avvenuta in via Scarlatti, nei pressi del Mc Donald's. Nel parapiglia è rimasta ferita anche una ragazza di 17 anni, che per cercare di separare il suo amico dal rivale si è lesionata un tendine; è ricoverata in attesa di operazione chirurgica. L'arma è stata ritrovata: era a casa di un amico, a cui il ragazzo l'aveva consegnata per farla sparire.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?