Nel bazar cinese oltre 2mila profumi e cosmetici contraffatti

Centinaia di profumi e quasi 2 mila cosmetici sequestrati a Marigliano dai carabinieri forestali. Denunciata una donna di origini cinesi già nota alle forze dell’ordine

Sull’etichetta nessuna parola in italiano. Impossibile conoscere gli ingredienti e la provenienza di quei cosmetici. Smalti, matite, rossetti, mascara, fondotinta e altri prodotti per il trucco e la cura della persona erano tra gli scaffali di un negozio cinese senza informazioni comprensibili e senza indicazioni sulla composizione del lotto.

Complessivamente erano circa 1900 i prodotti per il make-up che così venivano offerti in vendita. Sono stati scoperti e sequestrati dai carabinieri forestali a Marigliano (Napoli). Nel bazar erano esposti anche profumi contraffatti: 59 le confezioni scovate e sequestrate dai militari, che hanno eseguito l’operazione in collaborazione con la polizia locale.

Per frode in commercio e vendita di prodotti con marchi falsi è stata denunciata la titolare del negozio che, per le violazioni rilevate, dovrà pagare anche una sanzione amministrativa di mille euro. La commerciante, una donna di origini cinesi, era già nota alle forze dell’ordine per precedenti specifici. Anche nel corso di precedenti controlli nel suo negozio erano state rilevate delle irregolarità.

A Marigliano sono diversi i bazar gestiti dai cinesi. La scorsa settimana all’interno di un'altra attività commerciale sottoposta a controlli dai carabinieri forestali, erano stati scoperti altri cosmetici non a norma.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?