Rapine a prostitute con coltello e forchettone, arrestato 21enne

Condotto in carcere il 21enne arrestato. È accusato di due tentate rapine avvenute a Giugliano ai danni di due prostitute

Fingendo di voler consumare un rapporto sessuale si appartava con le prostitute e le minacciava con un’arma per farsi consegnare i soldi. Accusato di due tentate rapine aggravate ai danni di due meretrici, è stato arrestato un 21enne di Mondragone (Caserta). Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli nord, i carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania (Napoli) hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti.

Sulla base delle indagini condotte dai carabinieri della stazione di Varcaturo è l’arrestato che nelle serate dell’1 e del 2 agosto scorso avrebbe attaccato a scopo di rapina le due donne che si stavano prostituendo nella zona industriale di Giugliano in Campania. L’uomo era arrivato con un’auto che sul sedile posteriore aveva un seggiolone per bambini. Si è poi scoperto che la macchina era della convivente dell’arrestato.

Armato, nel primo episodio di un coltello da cucina e nel secondo di un forchettone metallico, il rapinatore non era mai riuscito a mettere a segno i colpi. Le urla delle vittime avevano attirato l’attenzione dei passanti, costringendolo così alla fuga.

Le informazioni precise fornite dalle donne in sede di denuncia hanno permesso ai militari dell’Arma di ottenere importanti dettagli per risalire al presunto responsabile delle azioni criminose e alla vettura che era stata utilizzata per entrare in azione. Questi dati, insieme al riconoscimento in sede di individuazione fotografica, hanno consentito di costruire un particolareggiato quadro probatorio, che ha portato all’emissione del provvedimento cautelare nei confronti del 21enne arrestato.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?