Rinvenuto nel mare di Procida il relitto di un’antica nave ricercata da anni

L’imbarcazione è nota per il suo prezioso carico: alcune colonne di marmo e materiali architettonici di spoglio trafugati da un sito archeologico, probabilmente nei Campi Flegrei

Da sette anni i sub dell’associazione Asd Meno 100 Underwater Tek erano alla ricerca del relitto naufragato tra il XVIII e l’inizio del XIX secolo nel canale di Procida, nel Golfo di Napoli, per conto della Soprintendenza archeologica, e, dopo innumerevoli ricerche, sono riusciti a individuare i resti dell’imbarcazione.

Si tratta di una nave nota per il suo prezioso carico: alcune colonne di marmo e materiali architettonici di spoglio trafugati da un sito archeologico, probabilmente nei Campi Flegrei. I resti dell’antico relitto giacciono sul fondo del mare a circa quindici metri di profondità, semi sepolti dalla sabbia e ricoperti di alghe.

Tuttavia si conservano in buone condizioni, come le colonne in marmo, che sono state ritrovate ancora in situ, insieme a resti di elementi ornamentali. Adesso si procederà allo studio della nave per capire a quando risale esattamente, per scoprire il nome dell’imbarcazione e la dinamica del naufragio. Ma per fare tutto ciò è necessario avviare una serie di studi specifici, che hanno bisogno di ingenti finanziamenti pubblici.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Gio, 22/08/2019 - 17:49

Una antesignana di Open Arms?