Scuolabus abusivi e pericolosi sequestrati dalla guardia di finanza a Napoli

La Guardia di finanza di Napoli durante dei controlli nei pressi di diverse scuole ha sequestrato una serie di scuolabus risultati irregolari e pericolosi: alcuni bus erano stati addirittura modificati per aumentarne la capienza

Nella mattinata di oggi la Guardia di finanza di Napoli ha condotto alcuni controlli in diversi istituti scolastici del centro città, occupandosi in particolare di verificare lo stato degli scuolabus, che ogni giorni trasportano moltissimi bambini e ragazzi.

Le Fiamme Gialle hanno deciso di intervenire in zone specifiche della città, ovvero quelle che si trovano nelle immediate vicinanze di grandi plessi scolastici, come Piazza Carlo III, piazza Nazionale e il quartiere Pianura, dove gli agenti hanno notato la presenza di tantissimi scuolabus che accompagnavano e scaricano i ragazzi. I finanzieri hanno controllato 15 scuolabus, di cui 10 sono risultati irregolari. Molti veicoli erano, infatti, completamente irregolari e privi di autorizzazione comunale per circolare o in altri casi sprovvisti di assicurazione. Altri scuolabus invece continuavano a circolare liberamente nonostante fossero senza revisione o già sottoposti a fermo amministrativo.

Le irregolarità più gravi e sconcertati scoperte dai finanzieri riguardano, però, alcune modifiche strutturali che sarebbero state apportate ad alcuni veicoli allo scopo di aumentarne la capienza, trasportando così molti più studenti di quanto fosse consentito dalla legge. In alcuni casi erano stati inseriti anche dei banchetti in legno per creare più posti a sedere. Bambini e ragazzi viaggiavano dunque in condizioni estremamente precarie e pericolose, all'interno di veicoli del tutto privi dei più basilari requisiti di sicurezza.

La Guardia di finanza ha proceduto al sequestro di tutti i mezzi irregolari e ha anche comminato diverse sanzioni agli autisti, che effettuavano un servizio illecito e senza autorizzazioni nè partita iva. Sono state sospese complessivamente 2 patenti di guida e 6 carte di circolazione, in più sono stati emessi 20 verbali amministrati per violazione del codice della strada.