Natale (made) in Cina: sei italiani su dieci regaleranno prodotti cheap

L'indagine di Contribuenti.it: boom di prodotti cinesi per colpa della crisi. «Molti consumatori ragionano come se in tasca avessero le vecchie lire. Con 50 euro si riesce a comprare di tutto...»

Natale (made) in Cina. Non è il titolo dell'ultimo cinepatteone ma la tendenza che emerge dall'indagine del Centro studi e ricerche Sociologiche «Ikrs-Adb» di Krls Network of Business Ethics svolta per conto di Contribuenti.it. Quanto e come spenderanno i cittadini alle prese con regali di Natale?

Risposta: gli italiani spenderanno quest'anno il 18,5% in meno rispetto al Natale 2013. Ma colpisce soprattutto che il 59% degli italiani acquisteranno rigorosamente prodotti made in China, il 26% riciclerà i regali ricevuti negli anni precedenti (il 54% almeno un prodotto) e solo il 15 acquisterà prodotti italiani, meglio se artigianali.

Resta il dato di fatto del boom degli acquisti di prodotti cinesi, che infatti passano dal 43% dello scorso anno al 59% del 2014. Ma per quale ragione si acquistano prodotti cinesi? - si chiede l'Associazione dei contribuenti italiani. Il 55% del campione lo fa per ristrettezze economiche, il 39% perché i consumatori pensano che anche i prodotti italiani sono fatti in Cina, mentre solo il 6% ritiene che i prodotti cinesi sono migliori degli altri.

Spiega Vittorio Carlomagno, presidente di Contribuenti.it: «Di fronte alla crisi, all'aumento della pressione fiscale ed crollo del potere di acquisto, i cittadini reagiscono ragionando, come se avessero nel portafoglio, le vecchie lire. Con 50 euro è possibile acquistare regali per tutta la famiglia». I prodotti cinesi più a buon mercato che stanno riscuotendo maggior successo sono di ogni genere, rispecchiando la fenomenologia del bazar all'interno dei quali spesso sono messi in vendita. Si va dagli orologi (a 3 euro al pezzo) ai guanti in vera pelle (5 euro), da cappelli e sciarpe (1 euro) all'abbigliamento intimo uomo/donna (addirittura a 50 cent al pezzo). Quantità a scapito della qualità, non c'è dubbio. Sarà un Natale cheap, poco chic.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 08/12/2014 - 17:08

Tranne "oggetti di lusso"(vero lusso..),tutto il resto della "paccottiglia" è fabbricato in China(giocattoli,abbigliamento,casalinghi,etc.etc.),Aggiungiamo che il tutto è "condito" con prezzi di "acquisto" alterati,con "triangolazioni" con "TRADING" di Hong Kong,per cui, la tassazione a vantaggio dell'italia,sul guadagno,per questo giro di affari,è limitata al passaggio finale....Paese senza speranza....Aprite gli occhi,non solo la borsa!!!!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 09/12/2014 - 00:03

e alla nonna regaliamo la tessera del kebabbaro con 9 timbri su 1o

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 09/12/2014 - 12:21

@mariosirio:lo dica a voce bassa,altrimenti se lo sente il sindaco Pisapia.....sa,invece del panettone.....