Natale prezioso: formiche alla Dalì, mistico Mantra e tentazioni di diamanti

Tre mostre di gioielli nel centro di Roma. Teschi, insetti e bottoni maschili nelle creazioni dark della rampolla Fendi, Delfina Delettrez. L'anello Gelato e quello Pashmina di Cristina Rotondaro. La collezione di Eleonora Mantini, in un party in rosso e nero con 250 invitati.

Non solo gli amati teschi per Delfina Delettrez, che nella nuova collezione un po' surrealista ma sempre dark punta anche su formiche e scorpioni, occhi e bocche, coppie avvinghiate nel Kamasutra, bottoni e nasi, colletti e polsini preziosi.
É tempo di Natale e con gli auguri si presentano nuove linee di gioielli. Delfina, quarta generazione di Casa Fendi, lo fa nello storico spazio della famiglia in via Borgognona: temporary store fino al 15 marzo. «Poi, tornerà nel suo buchetto di via del Governo Vecchio- dice mamma Silvia Venturini Fendi, presidente di Alta Roma-, le ho detto di non abituarsi troppo ad una sede così».
Nonna Anna Fendi arriva all'inaugurazione con Maria Pia Fanfani, che ammira incuriosita gli audaci gioielli gotici, un po' horror, un po' hard. Zia Carla è con Mara Venier. Di vip ce ne sono tanti: dal designer di Valentino Pier paolo Piccioli al maestro dell'alta moda Roberto Capucci ad Elsa Martinelli.
A sorprendere sono soprattutto gli elementi di eleganza maschile che caratterizzano la collezione, chiamata non per nulla «We - Man» e presentata a Parigi alla scorsa fashion week. Su candide camicie indossate da manichini spiccano colletti e polsini di argento e oro, che sostituiscono collane e bracciali, in fasce rigide e modernissime o in pizzi un po' retro'. E i bottoni diventano elementi-clou per collane, anelli e orecchini.
Poco lontano, nel suo nuovo show room su Rampa Mignanelli, anche Cristina Rotondaro presenta la nuova collezione ispirata alla simbologia mistica con marchio Eka: «Evolution».
Gli ospiti sono invitati ad un Tea Party, con degustazione di miscele esotiche, mentre ammirano i gioielli dalle forme curiose e dalle pietre preziose inusuali, montate con artigianale ricercatezza.
C'è l'anello Gelato, con il cerchio che fa da cono, sormontato da un letto di panna in pavè di diamanti in cui affogano rossi cabochon di spinelli simili ad amarene. Morbido e flessibile per una nuova lavorazione è l'anello Pashmina. Mentre quello Mantra, molto amato da attrici famose, si compone secondo il gusto personale di fedine avvitabili su una base.
Tra gli orecchini, «Gocce di Titanio» hanno la leggerezza di questo metallo e le sue particolari sfumature cromatiche e Serpenti preziosi si attorcigliano sinuosi all'orecchio.
Altra festa, altri gioielli all'hotel De Russie, dove la designer Eleonora Mantini invita 250 amici ad un «Party delle tentazioni», con il nero e rosso come leit motiv, a base di champagne efinger food.
Modelle eteree sfilano tra gli ospiti, sfoggiando le preziose creazioni che rivelano l'amore per i diamanti della stilista, coltivato in tanti viaggi a Hong Kong, in India, a New York e in Belgio.
Tra gli invitati, personaggi del cinema, della fiction, dello sport e dell'imprenditoria, da Manuela Arcuri a Serena Autieri, dalle protagoniste di «Romanzo Criminale 2»Daniela Virgilio e Giovanna Drauss di Rauso, da Corinne Clery a Milena Miconi, da Gaia de Laurentis a Catena Fiorello, dagli imprenditori di Belstaff Emanuele e Michele Malenotti al guru di immagine Stefano Bongarzone al calciatore della Lazio Stefano Mauri.
La Mantini presenta anche il nuovo sito web, una vetrina glam-rock dei nuovi prodotti dell'azienda «CLEÈ gioielli», fondata nel 2000 con il gusto del design, l'esperienza dei maestri orafi valenzani e la ricerca di nuove forme e materiali preziosi.