'Ndrangheta, maxi blitz: 77 in manette per droga, preso ufficiale dell'Arma

Un'operazione della Dda ha smascherato una vasta organizzazione che da Cosenza si ramificava in tutta Italia. Tra i fermati anche un ufficiale
dei carabinieri in servizio a Bolzano: il tenente
colonnello Luigi Verde

Cosenza - Droga e 'ndrangheta. Una maxi operazione della Dda ha smascherato una vasta organizzazione che da Cosenza si ramificava in numerose città italiane. Un’operazione congiunta tra i carabinieri e la guardia di finanza che ha portato all'arresto di quasi ottanta persone. Tra i fermati anche un ufficiale dell’arma dei carabinieri in servizio a Bolzano: il tenente colonnello Luigi Verde. Le accuse per tutti i fermati, a vario titolo, vanno dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, all’estorsione, traffico di droga e altro. Le Fiamme gialle hanno proceduto al sequestro di patrimoni per un valore di 200 milioni di euro.

La cocaina trasportata via aereo Le cosche di ’ndrangheta stavano cambiando la modalità di trasporto della cocaina dal Sudamerica. Secondo quanto accertato dagli investigatori gli esponenti delle organizzazioni criminali in qualche episodio hanno abbandonato il ’classicò sistema del trasporto nei container al porto di Gioia Tauro e stavano effettuando una nuova modalità di trasporto dello stupefacente facendolo viaggiare sugli aerei. Nel marzo 2009 all’aeroporto di Roma sono stati sequestrati 56 chili di cocaina pura, che dimostra la nuova tecnica trovata dai narcotrafficanti.