«Non confondiamo romeni e clandestini»

(...) controproducente anche se si ottenesse il risultato della raccolta delle firme necessarie. Inoltre i volantini esibiti in bella mostra sulle pagine di questo quotidiano con scritto «Stop agli zingari» giunta di sinistra vergogna! Case popolari prima ai genovesi sono l'emblema della pura demagogia, con punte di xenofobia e d’intolleranza, condite in un minestrone alla genovese, con una spolverata abbondante di populismo. Per correttezza d’informazione è meglio fornire al lettore le informazioni del caso, sulla legge che si vuole abrogare:
1) Sanità gratuita ai clandestini per le cure urgenti ma anche per le cure essenziali. Commento: il clandestino non è un animale (con il rispetto dovuto anche a questi). Trovo civile dargli assistenza, come quando guarito, ricondurlo nel paese da dove proviene (essendo clandestino e quindi avendo violato la legge).
2) Rimpatrio delle salme a spese della Regione. Commento: il rispetto dei morti è come il rispetto dei vivi. Sul rimpatrio della salma penso e credo, che dovrebbe essere fatta a cura e spese del paese d’origine. Altra cosa garantire degna sepoltura alla stessa, «con uso e costumi del paese d’origine e/o della fede manifesta», nel nostro territorio nazionale.
3) Assegnazione case popolari. Commento: se date ad immigrati regolari e in condizione di parità con i cittadini italiani, mi si trova completamente d'accordo. Non mi ritrovo nella creazione d’agenzie sociali apposite per immigrati, che solo per il fatto della loro esistenza creano una discriminazione ai cittadini italiani.
4) Diritto di voto agli extracomunitari. Commento: qui la materia si fa dura, dalle notizie apparse non si capisce una cosa fondamentale per esercitare tale diritto-dovere. Trattandosi di un diritto-dovere la legge sembrerebbe completamente dimentica dei doveri che, gli extracomunitari si devono assumere per esercitarlo nel rispetto della democrazia italiana. Inoltre sembra non specificato il tempo che deve intercorrere tra l'ottenimento della residenza e regolarità di soggiorno, e l'ottenimento di tale diritto-dovere.
5) Consulta. Commento: un altro carrozzone. Non si può e non si deve, per ogni legge emanata creare all'uopo un organo di vigilanza. Ognuno faccia il proprio mestiere, senza invadere le competenze altrui.
6) Case dei popoli. Commento: contrario alla creazione di ghetti solo per extracomunitari, come contrario a favorire la costruzione della moschea a Coronata gestita dall'Ucoii, senza garanzia sui finanziamenti occulti e non occulti. Favorevole alla costruzione di moschea, se garantita l'estraneità di connotazioni fondamentaliste all'interno della stessa.
Come si vede una legge pasticciata, che avrebbe bisogno di essere emendata per chiarire alcuni punti e modificata in altri con un'azione bipartisan da parte della maggioranza e dell'opposizione. Ma visto la posizione intrapresa dal centro destra sorge spontanea una domanda: a Genova, coerenza, integrazione e tolleranza le forze politiche non sanno proprio cosa siano? Urge chiarire e distinguere, tra immigrazione di cittadini Europei e immigrazione di cittadini extracomunitari. L'immigrazione clandestina secondo, le leggi dello stato Italiano è solo quell’extracomunitaria, poiché, per entrare in Italia i cittadini che non fanno parte della comunità Europea hanno bisogno di un'autorizzazione (permesso di soggiorno) finalizzato ad uno scopo e di un passaporto. Per i cittadini Europei massima libertà con la sola carta d'identità. Quindi urge chiarire al lettore, che non di rumeni stiamo parlando ma di tutte quelle persone che non fanno parte della comunità Europea. Zingari è un termine puramente demagogico poiché non specifica nulla dell'appartenenza al paese d’origine. Quindi serietà sull'argomento vuole, che i due casi siano tenuti debitamente distinti, ed affrontati secondo le leggi dello stato italiano in vigore, Legge Bossi Fini per gli extracomunitari e leggi comunitarie per i rumeni. Perché deve essere chiaro a tutti che i rumeni sono a tutti gli effetti cittadini Europei e come tali vanno trattati. Serietà sull'argomento extracomunitari non regolari porterebbe subito a parlare, invece, della mancata realizzazione in loco di cpt (centri di prima accoglienza), che a lato pratico significa vanificare lo sforzo delle forze dell'ordine, che, non riescono ad espellere l'extracomunitario irregolare, ma si vedono costretti a rilasciare un foglio di Via, a chi catturato senza permesso di soggiorno. Speculare su certi problemi non fa un buon servizio alla collettività regionale poiché, sui temi d’interesse mondiale ritengo, che la contrapposizione dei partiti e/o di schieramento dovrebbe annullarsi, nell'intento di ottenere un risultato che rispetti le reali esigenze dell'Italia intera dell'Europa tutta e di quei cittadini extracomunitari che hanno il deciso di risiedervi. E se saremo i primi in Italia ad essere realmente Tolleranti, bene, sarò contento del risultato, anche essendo un cittadino che vota a destra.