La nuova Pirelli Re si chiamerà Prelios

Si chiamerà «Prelios» la nuova Pirelli Re, quella che nascerà dal riassetto del business immobiliare della Bicocca e vedrà l’impegno diretto di Mediobanca e Unicredit. Da un lato ci sarà quindi la capogruppo concentrata sugli pneumatici, dall’altro l’ex controllata immobiliare libera di stringere alleanze (il flottante sarà il 60%). Ieri il presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, ha assicurato che il riassetto va avanti, malgrado la turbolenza delle Borse. «I mercati hanno fluttuazioni che se uno dovesse seguire l’andamento quotidiano si perderebbe anche il senso dei valori reali. I valori reali rimangono quindi i valori immobiliari e dell’attività industriale. In tutto il mondo c’è una specie di panic selling che distrugge solo valore. Ci vorrebbero meno dichiarazioni e più progetti da parte dei governi». L’operazione per gli azionisti avverrà in termini neutrali: i soci Pirelli & C riceveranno un’azione Re per ogni azione Pirelli posseduta, mentre il valore dello scorporo sarà sottratto dal capitale sociale dell’ex controllante. Le azioni Re perderanno il valore nominale e saranno raggruppate.