Ora lo dice la scienza: lo scimpanzé è più evoluto dell'uomo

Condivide le risorse, prevede il futuro E prende decisioni più logiche delle persone

Prendono le decisioni migliori per se stessi. Grazie a capacità logiche che, a quanto pare, superano di gran lunga quelle che caratterizzano gli esseri umani adulti. Questa nuova scoperta conferma quanto alcune specie di primati siano più intelligenti, e vicine a noi, di quanto si pensi. E questo, secondo un gruppo di ricercatori americani e tedeschi, vale in particolare per gli scimpanzè.

Secondo gli studiosi, quello che distingue questi animali dagli uomini adulti è l'istinto di competere con i propri simili. Le persone, una volta diventate adulte, avvertono un bisogno irresistibile di mettersi in competizione fra di loro. Avvertono la necessità di vincere e primeggiare e questo finisce con l'offuscare il loro giudizio. Spingendoli a prendere decisioni meno vantaggiose per se stessi con il solo fine di mettere in difficoltà l'altro. Questo nel mondo dei primati, così come fra i bambini, invece non avviene. Motivo per il quale le capacità logiche raggiungono il massimo livello, spingendo scimmie e piccoli umani a scegliere ciò che è meglio per loro. Senza alcun tipo di filtro.

I risultati dello studio sono stati pubblicati di recente sulla rivista scientifica «Proceeding of the royal society B», e mettono in evidenza come i processi mentali siano influenzati da due aspetti tipici delle nostre società: competizione e cooperazione. Entrambi svolgono un ruolo cruciale nel migliorare il livello della conoscenza umana. A partire da questo elemento, gli studiosi sono riusciti a dimostrare quanto le persone adulte facciano fatica a non entrare in competizione fra di loro. Mettendo in questo modo a repentaglio capacità logiche che invece sono esaltate nei bambini e negli animali che più ci assomigliano dal punto di vista genetico. Per arrivare a questa conclusione gli scienziati hanno osservato 96 bambini di età compresa fra cinque e dieci anni provenienti da tre scuole del Kenya e hanno chiesto loro di completare lo stesso esercizio sottoposto a 15 scimpanzè.

A tutti è stato chiesto di sedersi di fronte a un coetaneo. A ogni coppia sono stati messi a disposizione due vassoi pieni di pasticcini fra i quali scegliere: il primo permetteva a un individuo di prenedere due dolci e alla controparte di prenderne solo uno. Il secondo, invece, permetteva un soggetto di prendere tre pasticcini e all'altro di prenderne sei. Ebbene, le scimmie e i bambini entro i sei anni si sono comportati allo stesso modo: hanno agito in modo razionale e logico, scegliendo la seconda soluzione perché dava a entrambi la possibilità di mangiare di più, indipendentemente dal numero di dolci ottenuti. Invece i ragazzi più grandi hanno dimostrato di essere più preoccupati dalla possibilità che i propri coetanei mangiassero più di loro, e così hanno scelto il primo vassoio. Accontentandosi di un numero inferiore di pasticcini, e quindi scegliendo la soluzione meno vantaggiosa per se stessi. Proprio come avrebbe fatto la maggior parte degli esseri umani adulti.

«I bambini più piccoli e gli scimpanzè si sono comportati in modo razionale, e così hanno scelto il vassoio in grado di massimizzare il proprio profitto assoluto», spiegano gli autori della ricerca. «Al contrario i bambini più grandi, e quindi più evoluti dal punto di vista sociale, hanno agito in modo irrazionale, perché condizionati da una prospettiva basata sul lucro proseguono -. Hanno pagato il prezzo di mangiare meno dolci pur di ottenere un vantaggio relativo rispetto al proprio coetaneo». Dimostrando che logica e razionalità, evidentemente, non sono direttamente proporzionati all'evoluzione delle nostre società.

Commenti

stefano751

Dom, 06/01/2019 - 08:48

Ma quale scienza? Sono solo scemenze.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 06/01/2019 - 10:00

Come volevasi dimostrare vero???

DRAGONI

Dom, 06/01/2019 - 10:29

....DELL'UOMO ROSSO!SI.

valerie1972

Dom, 06/01/2019 - 10:33

Modo idiota di fare scienza, ma allineato a un certo trend. L'ambito delle scelte e delle conseguenze di piccoli e scimmie è ridotto e la ricchezza emotiva e culturale (nel senso della Bildung) coinvolta è irrilevante. Ora inizierà la moda dei bonobi nati in un corpo umano che lo vogliono scritto sui documenti.

VittorioMar

Dom, 06/01/2019 - 10:36

...la nuova CULTURA CHE AVANZA....ASSIMILIAMOLA ED INTEGRIAMOLA...ma prima gli SCIENZIATI...per dare l'ESEMPIO...!!

vince50

Dom, 06/01/2019 - 10:41

Più di quelli che votano Pd senz'altro.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 06/01/2019 - 11:49

#Dragoni e @vince50 - avete indovinato.

Orgrim

Dom, 06/01/2019 - 12:38

Io invece dico che scimmie e bambini hanno scelto il vassoio con più pasticcini solo per potersi ingozzare più del necessario, un comportamento tipicamente animalesco e privo del senso della misura e dunque illogico ed irrazionale, proprio come lo studio di questi pseudo scienziati.

obiettore

Dom, 06/01/2019 - 14:40

Armstrong, difatti, ne vide molti sulla Luna, ma tacque per aspettare che ne venisse diffusa la notizia dagli esperti.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 06/01/2019 - 14:45

---uno studio fatto a chicago l'estate scorsa ha messo in evidenza che gli scimpanzé sono sessualmente promiscui---cioè si accoppiano senza distinzioni di sesso quando ne hanno voglia---chissà se la giornalista ---conoscendo questa particolarità -si rimangia il discorso della maggiore evoluzione di tale specie rispetto agli umani---swag ganja

baronemanfredri...

Dom, 06/01/2019 - 14:51

CERTO CHE SONO PIU' INTELLIGENTI DEGLI ANTAGONISTI DEI CATTOCOMUNISTI E SINISTRI.

Kamen

Dom, 06/01/2019 - 17:12

Finalmente è stata resa giustizia alla cosiddetta intellighenzia.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 06/01/2019 - 18:52

Pensate se nel primo esperimento si fossero spartiti mezzo pasticcino a testa o lascito da parte un pasticcino per i NON PRESENTI quante urla di gioia dei buonoidi in trip comunista. Se c'è una cosa che mi ha insegnato l'essere padre è che, all'asilo, volano botte da orbi fra bambini per la spartizione dei giocattoli.

Divoll

Lun, 07/01/2019 - 00:26

Fermo restando che gli scimpanze' e altri mammiferi (e uccelli) sono di grande intelligenza e, sotto vari aspetti, migliori di noi umani, trovo che il presupposto di partenza, ovvero la presunta competitivita' tra umani, come descritta enll'articolo, sia sbagliato e fuorviante. Non tutti e non sempre gli umani sono competitivi ta loro (forse solo gli americani o gli stupidi).

emigrante

Lun, 07/01/2019 - 07:54

Forse dovrebbe essere oggetto di meditazione anche il fatto che, se uno scimpanzè nel proprio ambiente naturale incappa in una tribù diversa dalla sua, sovente lo fanno a pezzi, senza tanti complimenti e arzigogoli. Naturalmente l'interprtazione del fatto "in chiave umana" porta a conclusioni diametralmente opposte, ma è chiaro che gli scimpanzè non hanno NGO. Penso che l'insegnamento dovrebbe essere che, se l'Etologia è una scienza meravigliosa, la sperimentazione in laboratorio può comportare delle forzature. A tal proposito l'osservazione del Signor Mario Galaverna mi pare molto sensata.

manente

Lun, 07/01/2019 - 20:57

Ricerca molto interessante che fa capire i motivi per i quali gli italiani si danno la zappa sui piedi votando partiti come il Pd che li vuole distruggere, solo per fare dispetto a Salvini che li vuole salvare ! E' un fatto che non ha nulla a che vedere con la genetica, ma con il clima di odio ed imbecillità che le sinistre sono riuscite a creare in Italia !!!