Ora Tursi fa il catalogo per scegliere l’asilo nido

«Una guida ai servizi educativi per i bambini dai tre mesi ai sei anni adeguata e aggiornata per aiutare i genitori a scegliere». A presentarla è stato Paolo Veardo assessore comunale alle Politiche Formative e ai Sevizi Educativi. La guida disponibile in tutti i municipi, al Matitone e nelle segreterie scolastiche indica dettagliatamente la tipologia di servizio, il nome, l'indirizzo e l'ente gestore. Uno strumento che entra difatto nelle scelte dell'amministrazione comunale nell'ambito dei servizi dell'infanzia, scelte che soddisfano il 33 per cento della popolazione di riferimento. Mancano all'appello ancora diverse centinaia di posti e il Comune batte cassa. «Abbiamo cercato di mantenere e sostanzialmente incrementato anche di poche unità l'offerta dello scorso anno. Questo significa che nonostante i tagli del Governo abbiamo continuato a investire in un settore con il bilancio del Comune - aggiunge Veardo - Riusciamo a coprire per un terzo l'offerta rispetto alla domanda potenziale ma c'è bisogno di ulteriori investimenti che il Comune da solo non riesce a fare». Le unità a cui fa riferimento l'assessore sono quaranta e interessano soltanto le sezioni primavera ossia quei servizi socio-educativi integrativi per bambini di età compresa tra i 24 e i 36 mesi. È stato inoltre presentato l’«Open day» degli asili nido. Mercoledì 18 maggio dalle 17 alle 19 tutti i nidi comunali e quelli convenzionati saranno aperti al pubblico; gli operatori e le educatrici accompagneranno i visitatori a conoscere le strutture presentando l'offerta didattica e formativa. L'elenco può essere scaricato sul sito: www.comune.genova.it (servizi online/scuola/servizi 0-6 anni) oppure chiamando lo 010.5577.468/385. «In occasione del periodo di iscrizioni ai nidi d'infanzia - continua l'assessore - che si concluderà il prossimo 24 maggio, il Comune offre alle famiglie l'opportunità di conoscere tutti i servizi educativi di questa fascia di età. Credo che sia un importante momento di apertura per conoscere le nostre strutture e quelle private convenzionate». L'attenzione è poi caduta sulla tre giorni di «Lingue e storie» il progetto iniziato nell'anno scolastico 2009-2010, che inserito all'interno del Laboratorio Migrazioni, traccia una mappa «affettiva» delle lingue parlate a scuola e del modo in cui i bambini e gli adulti vivono il loro essere monolingue, bilingui, plurilingui o addirittura in transizione da una lingua a un'altra. L'appuntamento è per il 19-20 e 21 maggio nella Sala del Munizioniere a Palazzo Ducale.