Palermo, inchiesta su bimba morta: "Parto cesareo effettuato in ritardo"

Dopo la denuncia presentata dai famigliari della piccola Federica, la Procura indaga l'ospedale Civico di Partinico per omicidio colposo 

Partinico (Palermo) - Resta chiuso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Civico dove giovedì scorso è morta una neonata, Katia Federica, subito dopo essere venuta alla luce. Secondo quanto emerge da una prima relazione della commissione dell’Azienda sanitaria di Palermo, il parto cesareo sarebbe stato effettuato sulla partoriente con alcune ore di ritardo.

Inchiesta A decidere la chiusura temporanea del reparto è stata ieri la direzione aziendale dell’Asp di Palermo. Sospesi dal servizio anche due dirigenti medici e un’ostetrica. La Commissione tecnico-ispettiva ha controllato le procedure e i protocolli di assistenza seguiti dal personale in servizio durante il parto.

Denuncia Anche la Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta per fare luce su quanto accaduto giovedì. Il magistrato indaga per
omicidio colposo dopo la denuncia presentata dai famigliari della
piccola Federica, morta subito dopo il parto. Nel pomeriggio verrà
eseguita l’autopsia sul piccolo cadavere.

Triste record Sette neonati morti in due anni nello stesso ospedale hanno posto sotto la lente dei giudici il reparto di Ostetricia e Ginecologia del nosocomio. La magistratura vuole andare a fondo sulla gestione e il funzionamento della struttura: già l’anno scorso, dopo i primi decessi - cinque solo nel 2008 - il magistrato aveva avviato un’inchiesta, ma i consulenti avevano escluso colpe dei sanitari e, soprattutto, che ci fosse un nesso tra i casi. Il pm ha acquisito la cartella clinica della madre, 44 anni, diabetica e alla quarta gravidanza.