Niente resto per il biglietto: autista di bus lascia a terra un migrante

Secondo il racconto della donna, l'autista avrebbe fatto scendere dal mezzo l'immigrato. L'azienda, però, ha smentito la sua ricostruzione

Il migrante non ha il biglietto del bus e viene fatto scendere dal mezzo. È successo a Partinico alle 6.25 del mattino. Il bus è quello che collega il grosso centro alle porte di Palermo con i paesi della litoranea verso il capoluogo. Una tratta fatta ogni giorno con 14 linee al giorno. Insomma una tratta molto frequenta da pendolari, studenti e lavoratori. "Eravamo in attesa di prendere l'autobus della Segesta a Partinico - racconta una passeggera, Estibaliz Delgado Ruano a Meridionews - e ho scambiato qualche parola con un ragazzo di colore sui 40 anni, forse gambiano o senegalese".

Secondo il racconto della donna, l'uomo aveva con sé 20 euro. Un taglio non accettato dagli autisti sui bus, tanto che in questi casi è preferibile fare il biglietto dal tabaccaio di fronte. In ogni caso sembra che l'uomo abbia mostrato i soldi, ha detto che voleva un biglietto soltanto di andata e l'autista avrebbe risposto: "Mi dispiace ma non ho il resto. Scendi e prendi il seguente autobus".

Il bus successivo sarebbe stato quelle delle 8.10. A quel punto, riferisce la giovane, il ragazzo ha provato "a cercare monetine ma forse non ci arrivava per qualche spicciolo, mentre l'autista insisteva: 'Devi scendere, scendi'". E alla fine l'uomo è sceso.

Sembra che a Terrasini, la fermata successiva, il tabaccaio fosse aperto. Però. L'azienda, interpellata da Meridionews per una replica, ha fatto prima sapere di avere inoltrato la segnalazione all'ufficio Direzione dei Trasporti per studiare la vicenda e fare tutte le verifiche del caso. Per poi smentire il racconto della passeggera: "I nostri autisti ci hanno detto che l'episodio non è avvenuto, tra l'altro lungo il percorso in partenza da Partinico, lungo il percorso cittadino, sono presenti ben due biglietterie aperte dalle sei di mattina. Inoltre visto che il biglietto a bordo è maggiorato la gran parte di questi viene acquistata dall'utente presso le biglietterie a terra. L'azienda si dissocia da eventuali episodi di discriminazione che non sono mai accaduti nella nostra storia".