Palermo, poliziotti si fingono turisti e arrestano ladri in spiaggia

Due giovani ragazzi sono stati sorpresi a rubare zaini e borse ad alcuni bagnanti su una spiaggia di Palermo e sono stati arrestati da alcuni poliziotti che si fingevano turisti

Due giovanissimi ladri sono stati arrestati dalla polizia nella mattinata di oggi a Palermo. I due ragazzi sono stati, infatti, sorpresi a derubare alcuni bagnanti sulla spiaggia di Mondello, una delle più note del capoluogo siciliano. Approffittando della distrazione dei bagnanti, che in questi giorni si affollanno sulle spiagge della Sicilia, i due hanno rubato diverse borse e zaini ed erano pronti a darsi alla fuga con il bottino.

Fortunatamente, però, il piano dei due giovani ladri non è andato a buon fine, grazie all'intervento di alcuni poliziotti che si trovavano sulla spiaggia di Palermo proprio nel momento del furto. Gli agenti, che erano in borghese, fingevano di essere dei normali turisti alla ricerca di un posto sulla battigia, ma in realtà stavano svolgendo un controllo di sicurezza e subito hanno notato ciò che stava accadendo e sono intervenuti prontamente. I due giovani ladri, di 18 e 19 anni, dopo aver fatto razzia sulla spiaggia, stavano cercando di allontanarsi senza dare nell'occhio, con gli zaini nascosti sotto un telo da mare. Proprio mentre si dirigevano verso una delle uscite, il varco di via Regina Elena, i due si sono accorti della presenza delle forze dell'ordine e si sono dati alla fuga.

Dopo un breve inseguimento i due giovani hanno gettato a terra gli zaini rubati per cercare di scappare, ma in pochissimo tempo sono stati raggiunti e bloccati dalla polizia. Entrambi i ragazzi sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato in concorso, mentre la refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari.

Segui già la pagina di Palermo de ilGiornale.it?