Palermo, approfittava dei permessi premio del carcere per acquistare droga e venderla al rientro

Si trovava detenuto al carcere Pagliarelli, la sua attività illecita è stata scoperta e fermata dalla polizia penitenziaria

Approfittava dei permessi premio del carcere Pagliarelli di Palermo dove si trovava recluso per rifornirsi di droga e spacciarla al suo rientro. È durato poco il “giochetto” messo in atto dal detenuto palermitano G.M. ,44 anni, residente nel quartiere dello Zen, scoperto dagli stessi agenti della polizia penitenziaria.

L’uomo, durante le sue ore di libertà riusciva a fare rifornimento di sostanze stupefacenti e al suo ritorno in carcere riusciva a venderle ai detenuti. Un vero e proprio business della droga in un ambiente dove è vero che può succedere di tutto ma addirittura arrivare a creare un sistema di compravendita abbastanza consolidato e di una certa portata sembra inverosimile. Il “mercato” non ha avuto però lunga vita.

Dopo i primi sospetti, gli agenti dello stesso penitenziario hanno iniziato a condurre le indagini incastrando nel sacco l’uomo dello Zen per il quale il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un’operazione di polizia giudiziaria importante per il carcere Lorusso Pagliarelli che ha posto fine ad una modalità di spaccio di droga in un ambiente davvero inusuale.