Ricettava cellulari e computer: denunciato un ghanese senza permesso di soggiorno

Oltre 200 pezzi l'ammontare del materiale elettronico ritrovato nell'appartamento dove si rifugiava il ghanese che rubava cellulari, pc e tablet per destinarli alla vendita nel mercato nero

Cellulari, tablet e pc per un totale di circa 200 pezzi. È stata questa la scoperta che hanno fatto i poliziotti della squadra volante in un appartamento del quartiere Ballarò a Palermo. Gli agenti sono giunti nell’abitazione dopo aver pedinato un 34enne ghanese che passeggiava nel quartiere Albergheria.

L’uomo, alla vista della volante ha manifestato subito un comportamento sospetto: ha cambiato più volte direzione guardandosi alle spalle. Gli agenti hanno dunque provato a fermarlo ed è scappato. Dopo un inseguimento il 34enne è stato visto entrare in un appartamento ed è stato raggiunto. Una volta entrati dentro, i poliziotti hanno visto l’extracomunitario svuotare la tracolla dei cellulari che conteneva.

L’appartamento è stato quindi sottoposto a perquisizione e sono stati ritrovati più di 200 pezzi tra tablet, personal computer, sim card e micro sd. Trovato anche materiale elettronico usato per assemblare e ricostruire i dispositivi, segno secondo i poliziotti, che in quell’appartamento si realizzassero nuovi pezzi da destinare al mercato nero.

Il ghanese è stato denunciato per il reato di ricettazione. L’uomo tra l’altro, verrà espulso perché non è stato trovato in possesso del regolare permesso di soggiorno.