Spacciava con la sedia a rotelle nella kasbah di Mazara, arrestata kosovara

Arrestata in flagranza del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, una donna kosovara di 59 anni, residente da tempo a Mazara del Vallo è stata beccata dalla polizia

Ci sono voluti diversi giorni di indagine per arrestare una donna kosovara in flagranza del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Gli investigatori, da diverso tempo, tenevano d’occhio la donna, che vive all’interno del quartiere della “kasbah” mazarese, porzione di centro storico caratterizzata da un labirintico intrecciarsi di stradine e piazze chiuse. Nonostante le difficoltà operative connesse all’impianto urbanistico, gli agenti del Commissariato sono riusciti a raccogliere indizi sufficienti. Gli agenti hanno seguito la donna nei pressi dell’abitazione e, senza essere notati, sono riusciti ad entrare all’interno dell'appartamento, sorprendendola.

Con uno stratagemma la donna faceva leva sulle proprie condizioni di salute per sviare i poliziotti. Infatti, utilizzava quotidianamente una sedia a rotelle per muoversi, alternandola saltuariamente a delle stampelle. Il fiuto del cane poliziotto Ulla, ha permesso di scoprire la droga nascosta in casa. Ed è a quel punto che gli investigatori, ben celato all’interno della federa di un cuscino poggiato sulla sedia, hanno scoperto un panetto di hashish del peso di 71 grammi circa. Nel corso della perquisizione, inoltre, fra gli effetti personali della donna è stata ritrovata una patente di guida appartenente a una donna mazarese che ne aveva denunciato il furto. L'operazione è stata condotta dalla squadra Pegaso della Sezione investigativa del Commissariato di Mazara del Vallo, con l’ausilio della Squadra cinofili della Polizia di Stato. La donna è stata tratta in arresto per detenzione ai fini di spaccio e vendita di sostanza stupefacente. A cui si aggiunge anche la denuncia per ricettazione.

Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 19/10/2019 - 17:34

ora la BOLDRINI si incazzerà perche questa sicuramente non potrà comprare il suo libro