Paradiso per sub e amanti del surf

Dahab, città egiziana 90 chilometri a nord di Sharm el Sheikh, è considerata una delle località più «informali» del Mar Rosso ed è un'eccellente destinazione soprattutto per subacquei e surfisti esperti ma non solo. Siti sub famosi in tutto il mondo, come il Blue Hole e il Canyon, attraggono ogni anno schiere d'entusiasti. È considerata una località «hippy», tutta da scoprire e meno «inflazionata» rispetto a Sharm e Taba. Fondata su tre oasi dai beduini Muzeini, è caratterizzata da tipiche abitazioni in pietra con il tetto di palma situate sulle lunghe spiagge di sabbia. I beduini chiamarono il loro insediamento Dahab, che in arabo significa appunto «oro», proprio perché la sabbia che circonda l'oasi ha lo stesso colore del prezioso metallo. Le spiagge, il cui mare, inserito nell'area protetta di Ras Abu Galum, è formato da ampie vallate madreporiche ricche di spugne multicolori e ripide discese verticali, e l'entroterra formato da montagne spettacolari, rappresentano la maggiore attrazione dell'area.