Parigi, uccide poliziotto e prende famiglia in ostaggio

Un ufficiale di polizia è stato ucciso a coltellate davanti alla sua casa di Magnanville, nella banlieue di Parigi. L'omicida si sarebbe poi barricato nella casa della vittima con la famiglia di quest'ultimo

Un ufficiale di polizia è stato ucciso a coltellate davanti alla sua casa di Magnanville, nella banlieue di Parigi. L'omicida si sarebbe poi barricato nella casa della vittima con la famiglia di quest'ultimo e la moglie.

L'ufficiale è stato colpito all'addome durante una lite. Lavorava in un commissariato, senza responsabilità nell'antiterrorismo. L'omicida "si è rinchiuso nella casa di questo poliziotto e l'intera zona è stata circondata", ha riferito Pierre-Henry Brandet, portavoce del ministero dell'Interno, in un punto stampa improvvisato davanti al quartiere transennato. Subito dopo sono cominciati dei negoziati per convincere l'omicida ad arrendersi. Poi gli agenti di polizia a quanto pare sono riusciti ad uccidere l'uomo. Secondo le autorità francesi l'episodio non sarebbe legato ad un movente terroristico. Pare che l'aggressore avesse litigato con l'agente prima di ucciderlo. Da lì è scattata la follia e ha deciso di prendere in ostaggio la famiglia. Quando la polizia è entrata nella casa dell'agente con un blitz ha trovato il cadavere della moglie, pure lei poliziotta e quello dell'aggressore morto durante l'intervento della polizia. A sopravvivere è stato solo il figlio di tre anni della coppia.

Commenti

nippur62

Mar, 14/06/2016 - 08:19

Da giornali esteri l'uomo era legato all'isis e aveva precedenti penali specifici in tal senso; altro che lite