In Parlamento nasce l'intergruppo degli amici di Vladimir Putin

La Lega Nord propone la formazione di un asse filo russo in Parlamento per risolvere i contrasti tra Italia e Cremlino

Nasce il gruppo interparlamentare "Amici di Putin". L'iniziativa è stata proposta dal leghista Paolo Grimoldi con l'obiettivo di "contribuire a pacificare i rapporti diplomatici, politici ed economici" tra Italia e Russia. Le sanzioni ai danni della Russia, infatti, "stanno producendo danni incalcolabili alla nostra economia". Grimoldi, dopo aver inviato una lettera in cui presentava la nascita del gruppo "Amici di Putin", ha ricevuto molte adesioni sia da destra che da sinistra. Ciò lo ha reso ancora più convinto del fatto che è dovere dell'intergruppo "dare un contributo affinché si chiuda questa stagione di contrasti che non fanno altro che danneggiare la nostra economia, in un momento già di per sé drammatico, causa crisi".

Il parlamentare leghista elogia infine la politica di sviluppo portata avanti dalla Russia: "Il Cremlino ha dato il via libera a un maxi-progetto per l'installazione della rete wi-fi gratuita su tutte le metropolitane di Mosca, ne beneficeranno 7 milioni di persone, ogni giorno. E poi c'è chi parla di regime e di limiti alla libertà d'espressione. La verità è che, oggi, accedere e scambiare informazioni è più facile in Russia che in Italia, grazie agli investimenti voluti dal proprio governo".

Il deputato di Sel, Franco Bordo, stigmatizza invece la proposta leghista affermando che quella di Grimoldi è "una lettera con agomentazioni che hanno dell'incredibile. Insomma la Lega organizza un gruppo di supporto alla Russia, contro le sanzioni UE, difendendo il regime di Putin portando ad esempio il fatto che stanno costruendo la rete wifi nella metro. Non contenti del successo del loro leader al congresso dei neofascisti del Front National in Francia, imitano in tutto e per tutto Le Pen e compagnia".

Commenti

J.S.Mill

Ven, 05/12/2014 - 18:34

Sono d'accordo. Occorre essere autolesionisti per sanzionare la Russia. Il livello della politica e dei politici UE è mediocre. Che differenza la recente politica del Papa!! Lui è un vero e grande leader politico. I nostri del governo sono solo mezze-calzette.

Ritratto di Sniper

Sniper

Ven, 05/12/2014 - 18:57

La Lega va controcorrente, sul filo del conto corrente filo-russo... Salvini, chi tocca i fili muore!

Luigi Farinelli

Ven, 05/12/2014 - 19:16

Non è che le sanzioni stiano solo producendo un danno contro la nostra economia, come giustamente dice Grimoldi, ma anche costituiscono una demenziale, incredibile condotta di USA, Germania ed Europa (quasi tutta) che pur di continuare l'escalation verso l'EST per accaparrarsi risorse energetiche e mercati sui quali avevano già fatto la bocca, non hanno esitato ad inventare rivoluzioni, sacrificare un aereo di linea con il suo carico umano, pagare mercenari filo-nazisti, assoldando pure, fra le escort e le prostitute (coi soldi di Soros) spregevoli rappresentanti del genere femminile fatte passare per "contestatrici di Putin"! C'è qualcosa che si sta inceppando nel motore dei globalizzatori: vedere cosa è successo a David Rockefeller in Cile, scampato, in carrozzella, alla contestazione popolare: "Quanti altri soldi vuoi accumulare ancora, assassino: la bara non ha tasche!"

Eraldusik

Ven, 05/12/2014 - 19:20

Un partito fuori dal coro! E meno male, qualcuno sta pensando che non si può fare tutta la vita lo "zerbino" dell'abbronzato! L'Italia si sta suicidando economicamente, seguendo la politica imposta da stati uniti e UE. Condivido ed approvo la nascita di questo gruppo. Forza lega, forza Italia, forza PUTIN.

mauro2449

Ven, 05/12/2014 - 19:26

Concordo pienamente con l'azione intrapresa dal deputato leghista!!!!

imodium

Ven, 05/12/2014 - 19:34

Bravo Salvini!!!! Sono daccordissimo. Finiamola di fare i servi sciocchi della Germania e degli USA a nostro danno.

Nerone2

Ven, 05/12/2014 - 19:37

Bravo Paolo Grimoldi!! E' ora di pensare ai caxxi nostri!!!!!

giseppe48

Ven, 05/12/2014 - 19:47

basta ascoltare l ebetino

Ritratto di IlBurlone

IlBurlone

Ven, 05/12/2014 - 21:03

Ottima cosa.

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 05/12/2014 - 23:21

Bravi, approvo. Ora lasciamo che i cretini europei che corrono dietro agli interessi del guerrafondaio americano, si sentano esclusi e la prossima volta non siano più votati.

Ritratto di Tipperary

Tipperary

Ven, 05/12/2014 - 23:54

Sel cioè Vendola contro Putin cioè la Russia con Obama cioè con l'imperialismo americano. Come cambiano i tempi!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 06/12/2014 - 01:32

Solo gli ottimi rapporti che ha Berlusconi con Putin potranno portare a qualche risultato positivo per il nostro paese. AI TRINARICIUTI INTERESSA PIÙ LECCARE I PIEDI AGLI USA CHE SALVARE L'ECONOMIA DELL'ITALIA. Questa è l'infame codardia della sinistra prostrata ai voleri di Obama e della Merkel.

roberto zanella

Sab, 06/12/2014 - 01:51

e brava Lega ..i leccaculo comunisti ce l'hanno su con l'ex compagno Putin traditore o forse è invidia dei compagni di Sel ovvero compagni del cacchio che si fanno superare dall'intelligenza di quelli della Lega,ma chi è Sel...che è..il Partito comunista pugliese...che è ? Che vogliono...forza Lega amici del mondo di quel mondo che ragiona con la PROPRIA TESTA INDIPENDENTE

pinolino

Sab, 06/12/2014 - 08:44

Io questa scelta editoriale di schierarsi dalla parte di un sovietico comunista ufficiale del kgb faccio veramente fatica a capirla. Son passati 25 anni dalla caduta del muro ma la faccia è quella, il pensiero è quello e pure i metodi sono quelli, l'unica cosa che è cambiata è il sarto che gli fa i vestiti su misura.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 07/12/2014 - 00:06

# pinolino 08:44 Se fa difficoltà a capire la scelta editoriale vuol dire che non si è accorto di quanto siano cambiati i rapporti tra le nazioni del mondo. LEI HA LA TESTA ANCORA FERMA ALLA CORTINA DI FERRO CHE ERA CADUTA ANCORA PRIMA DEL MURO. Si aggiorni.

churchillone

Sab, 20/12/2014 - 23:20

La dimostrazione più lampante della completa idiozia delle sanzioni alla Russia è il fatto che questa encomiabile iniziativa è stata criticata da SEL: quindi è sicuramente cosa buona. Ora però bisogna passare ai fatti...perchè le amministrazioni leghiste non patrocinano gemellaggi con scuole del martoriato Donbass? Perchè gli amministratori locali, insieme a camere di commercio, studi legali ecc, non aiutano gli imprenditori del Nordest ad aggirare le sanzioni per continuare a fare affari in Russia? A quando la nascita di un Polo politico che chiaramente assuma come proprio progamma di politica estera la distensione con la Russia? Berlusconi ha un capitale politico enorme sulla questione, batta un colpo.