Il Pericu-giudice rimandato a novembre

Maggioranza e opposizione hanno raggiunto un'intesa sui nomi dei due nuovi giudici della Corte Costituzionale che il parlamento dovrà eleggere. E così Giuseppe Pericu dovrà restare sindaco di Genova ancora per qualche mese. Mentre Alfredo Biondi, che è stato uno dei papabili, non è tra i prescelti. La notizia dell’accordo è stata riferita dal capogruppo di Forza Italia alla Camera Elio Vito. Anche se non tutti sembrano così certi che l’intesa sia ormai cosa fatta. «È stato raggiunto l'accordo, ora si vota», ha detto Vito, riferendosi alla seduta in programma oggi. I nomi più accreditati sono quelli del costituzionalista e professore all'Università di Messina Gaetano Silvestri e dell'ex ministro della Funzione Pubblica Luigi Mazzella. Vito era stato incaricato, insieme al capigruppo al Senato dei Ds Gavino Angius di trovare una intesa sui due nomi. Il Parlamento si riunirà in seduta comune per la decima volta oggi alle 13.30 alla Camera per eleggere i due alti togati. Sarà necessaria la maggioranza dei tre quinti dei voti. E se, come pare, questa volta verrà trovato l’accordo, la Corte costituzionale vedrà reintegrato il suo numero ordinario di membri. Questo significa che Giuseppe Pericu, a più riprese indicato come uno dei più che probabili candidati alla carica, dovrà attendere la prossima tornata, prevista ormai per novembre.
Un ligure che invece dovrebbe farcela è Vittorio Mathieu, nato a Varazze, e superfavorito a essere indicato come presidente della Rai, risolvendo un’altra lunga querelle politica.