Vaticano in rosso. E Ratzinger lasciò

"Dai fasti dei cardinali ai furti ai veleni": Nuzzi riscrive i motivi delle dimissioni di Benedetto XVI

Una lotta incessante, senza sosta, di Papa Francesco contro «i mercanti nel tempio», contro la corruzione all'interno delle mura vaticane, con un complotto esploso nel corso del Sinodo della famiglia ma nato già nei primissimi giorni del pontificato di Jorge Mario Bergoglio. Emerge questo dall'ultimo libro di Gianluigi Nuzzi, Via Crucis , volume che uscirà in Italia per Chiarelettere il prossimo 5 novembre e che conterrà trascrizioni di registrazioni dei colloqui del Papa e documenti inediti della Santa Sede.

«Se non sappiamo custodire i soldi, che si vedono, come custodiamo le anime dei fedeli, che non si vedono?». È questa una delle frasi contenute nel libro e attribuite a Papa Francesco dallo scrittore e giornalista Mediaset, che avrebbe ascoltato diversi audio riservatissimi di conversazioni tra il Pontefice e «alti vertici del Vaticano». Dalle carte pubblicate nel libro viene fuori l'immagine di un Papa, nominato da poco più di tre mesi, che sferra un durissimo attacco alla «nomenclatura da anni a capo delle finanze della Santa Sede». Francesco, in un altro dei virgolettati presenti nel libro avrebbe denunciato infatti che «i costi sono fuori controllo, ci sono trappole». Dopo il successo di Vaticano SpA e di Sua Santità , il libro simbolo del Vatileaks con la pubblicazione dei documenti riservati di Papa Benedetto XVI, Nuzzi torna a pubblicare nuove carte, questa volte incentrate sulla richiesta di trasparenza da parte di Bergoglio, Pontefice irritato «dopo aver preso visione dei bilanci non ufficiali che documentano sia la malagestio degli amministratori, sia operazioni di puro malaffare». In pratica, assicura il giornalista, finalmente verranno svelati i veri motivi che hanno portato alle dimissioni Joseph Ratzinger, con «fasti dei cardinali, regge a canone zero, la fabbrica dei santi, le offerte dei fedeli sottratti alla beneficenza, i furti e le truffe commerciali, il buco nero delle pensioni, le veline e i veleni di sabotatori, tra spionaggio, scassinamenti e azioni di delegittimazione». Nel volume Nuzzi riporta anche il testo di una email ricevuta da un dipendente dello Ior, l'Istituto per le Opere di Religione: «Abbiamo saputo che sta lavorando a un nuovo libro e ci piacerebbe poter rispondere a eventuali sue domande» riporta il giornalista, precisando che il messaggio di posta elettronica era arrivato nella sua casella il 16 luglio 2015, ovvero tre mesi prima che la notizia dell'uscita di Via Crucis fosse ufficiale.

In attesa dell'uscita del libro di Nuzzi però in Vaticano è in corso un altro giallo di cui ha discusso ieri sera Nicola Porro nel suo programma di Raidue Virus- il contagio delle idee : in un reportage a firma di Luigi Bisignani viene svelata l'esistenza di un'inchiesta segretissima della Gendarmeria Vaticana. «Dopo le roventi polemiche del Sinodo - ha detto Bisignani a Porro - arriva un'altra bomba, un'inchiesta che vuole accertare chi ha violato il computer di un pezzo da novanta, il Raffaele Cantone di Papa Francesco». In pratica secondo Bisignani la «polizia vaticana» starebbe indagando su un episodio inquietante: qualcuno avrebbe tentato di accedere al pc di Liberio Milone, 66 anni, un passato nella Deloitte e dal giugno scorso revisore generale delle finanze vaticane, ovvero colui che ha accesso a tutti i bilanci della Santa Sede. «Chi può aver osato tanto?», si è chiesto il giornalista all'interno del suo reportage, Un vescovo, un laico? . Domande che per il momento non hanno risposta, presto però la presunta indagine potrebbe arrivare a un colpevole.

Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 30/10/2015 - 08:43

Sciocchezze. Ratzinger ha dovuto lasciare per altri motivi. Non ci dimentichiamo delle ambulanze che stavano fuori da stazione Termini... (per chi sa cosa succedesse è sufficiente così) a 'prelevare' piccoli cristiani per allegrare le serate di taluni all'interno del piccolo stato. Ha chiuso un occhio di troppo sia sulla lobby gay (con relativa sauna gestita dal Vaticano) sia con la cricca di preti che hanno decisamente defezionato dall'altra parte e praticano riti strani. Uno in particolare dal nome in codice di Jessica molto vicino al Papa. Ed è diventato ricattabile ergo ha dovuto lasciare.

un_infiltrato

Ven, 30/10/2015 - 09:36

Non si hanno più notizie del Principe della Chiesa, Tarcisio Bertone.

Pattissimo

Ven, 30/10/2015 - 09:53

Non c'è bisogno di alcun libro o inchiesta giornalistica alla Sherlok Holmes per sapere che i peggiori nemici della Chiesa si annidano da sempre proprio all'interno della Chiesa stessa! E' sotto gli occhi di tutti la distanza abissale tra il messaggio di Cristo e le sconcezze e le bramosie di potere che avvengono tra le mura Vaticane. Ciò che per secoli è stato tenuto occultato, nell'era di internet è diventato di dominio pubblico. Solo qualche anno fa dovevi leggere e studiare per capire, oggi basta un click.

gianrico45

Ven, 30/10/2015 - 10:25

Un altro tentativo,per giunta pure mal destro, per coprire la verità.I motivi, o le pressioni per far dimettere il papa, sono di ordine planetario, non di beghe di palazzo.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 30/10/2015 - 18:02

@ un_infiltrato - Bertone fu uno dei macchinatori dietro le dimissioni di Ratzinger (e collegato alla lobby di cui accennavo prima).