Ad agosto è record: mai così pochi sbarchi

Roma Calo drastico degli sbarchi sulle nostre coste. Nel mesi di agosto è stato registrato il dato più basso di arrivi di immigrati via mare degli ultimi cinque anni.

Il Viminale ha aggiornato i dati al 28 agosto: sono 1.259 i migranti approdati in Italia in questo mese contro il 21.294 del 2016 e i 3.920 del 2017. Dati confermati dall'Organizzazione mondiale per le migrazioni che registra appunto come dal primo gennaio 2018 al 26 agosto 2016 il 42 per cento degli arrivi abbia interessato la Spagna che ha continuato ad accogliere migranti dal mare in misura doppia rispetto alla Grecia e quadrupla in confronto all'Italia.

L'Oim segnala pure che si sono dimezzate le morti in mare sulla rotta del mediterraneo centrale: in tutto 1.130 quest'anno contro 2.258 dello stesso periodo del 2017. A questi però si aggiungono quelli naufragati lungo le rotte del mediterraneo orientale e occidentali per un totale di 1.549 vittime nel 2018 e 2.429 nel 2017.

In tutto comunque gli sbarchi sono diminuiti in assoluto per tutta l'Europa. Dal 1 gennaio al 26 agosto 2017 erano 123.205 gli stranieri sbarcati in totale sulle coste di Italia, Malta, Grecia, Cipro e Spagna. Cifra dimezzata nello stesso periodo del 2018: 67.122 per gli stessi paesi. Di questi 19.761 sono sbarcati in Italia ma ben 27.994 in Spagna. Per l'Italia la cifra aggiornata dal Viminale a ieri è di 19.805 persone, i minori sono 3.092.

Cifre che sembrano dare ragione al direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, che in un'intervista rilasciata qualche giorno fa alla stampa francese ha spostato l'attenzione dagli arrivi alle espulsioni, un meccanismo che non funziona sia per i singoli stati sia per la Ue nel suo insieme. Leggeri sottolinea che non funziona il meccanismo degli allontanamenti. A fronte di oltre 200.000 ingressi irregolari nello scorso anno i rimpatri sono stati soltanto 150.000 per tutta l'Europa.«Se continuiamo in questo modo mandiamo un messaggio implicito ai potenziali migranti - spiega Leggeri - provate pure a tutti i costi ad entrare in Europa perché anche se venite catturati riuscirete in qualche modo a rimanere».

Per Leggeri una delle prime iniziative che dovrebbe prendere la Ue è quella di uniformare le procedure di espulsione. Se uno straniero espulso in un paese viene individuato in un altro paese dello spazio Schengen il suo allontanamento dovrebbe essere automatico perché il provvedimento di espulsione che gli è stato comminato dovrebbe esser efficace per tutta l'Unione europea. Altrimenti si deve iniziare da capo tutta la procedura.