Adesso i gialloverdi si coprono: i servizi segreti a Fratelli d'Italia

La minaccia di Renzi sul caso Trenta inquieta. Al Copasir una forza di "mezza opposizione"

Qualcuno la butta lì, come una delle tante voci che circolano in questa settimane di nomine di governo e non, mentre nell'aula di Montecitorio il premier Giuseppe Conte, che ci ha preso gusto, pronuncia una delle sue interminabili repliche alla Fidel Castro. «Ci hanno proposto la presidenza della commissione parlamentare per i servizi segreti, il Copasir» confida Guido Crosetto, che milita in Fratelli d'Italia, il partito che ha scelto il limbo dell'astensione, cioè non è contro, né a favore del governo gialloverde: «Un'ipotesi che leghisti e grillini hanno ventilato alla Meloni. Io comunque non ci voglio andare». Uno può pensare che sia una boutade e, invece, fai due passi e qualcuno di Forza Italia ti conferma la voce: agli azzurri andrebbe la presidenza della commissione di vigilanza Rai, mentre al Pd niente. A quel punto, per saperne di più, uno si rivolge agli ipotetici esclusi, a quel Lorenzo Guerini che dovrebbe essere un candidato del Pd per quel ruolo. «Sì ammette l'interessato circola con insistenza questa voce. Ma succederebbe il finimondo». «Io, però, non mi meraviglierei, questi sono pazzi gli va dietro Davide Ermini, altro esponente del Pd - Basta pensare che dopo una settimana che i fondi americani hanno fatto incetta dei nostri titoli di Stato, il nuovo premier si è schierato con la Russia. Risultato: lo spread è arrivato a 253 punti».

Una volta l'esclusione di un pezzo dell'opposizione dalle presidenze delle grandi commissioni di controllo, a favore di un partito, che astenendosi, sia pure indirettamente, tiene in piedi il governo, avrebbe suscitato scandalo. Ma, a quanto pare, i tempi con l'avvento della maggioranza dai colori carioca, gialloverde, sono cambiati repentinamente: regole, consuetudini e costumi, sono stati travolti dal samba istituzionale. L'unico che si erge a guardiano delle regole democratiche del passato è Renato Brunetta: «C'è poco da dire recita : per essere opposizione devi votare contro il governo. Da qui non si scappa. Fratelli d'Italia, invece, a quanto ne so io, si astengono!».

Discorso che non fa una grinza. Ma nell'anno dell'alleanza gialloverde tutto è possibile. Solo che questa «voce» che circola appena dopo 24 ore che Matteo Renzi ha annunciato che il Pd chiederà la convocazione al Copasir del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, «per cose che lei sa e su cui succederà il finimondo», colpisce. E non poco. Sembra quasi un modo per salvaguardarsi su un terreno che si ritiene sdrucciolevole, pericoloso, foriero di brutte sorprese. Per cui lo schema che si ventila sembra, o almeno può apparire, come un modo per correre ai ripari, per preservarsi: meglio dare la presidenza del comitato per i servizi segreti ad una forza di mezza opposizione, che non di opposizione intera.

Anche perché, in questa prima settimana, questo appare il fianco più debole del governo, il più esposto. Le questioni sono tante: i rapporti dell'esecutivo con Mosca che indispettiscono non poco gli americani; quei professori, quei «tecnici» tirati fuori dalla Link Campus University, dove spesso circolano personaggi che hanno dimestichezza con i mondi dell'intelligence e delle grandi lobby estere; tutte le richieste di chiarimento rivolte al ministro della Difesa per i suoi rapporti internazionali, per i suoi possibili conflitti di interessi, per i suoi supposti legami con società di contractor, cioè di mercenari. Insomma, magari si tratta solo di fiabe, ma anche le fiabe vanno chiarite, perché altrimenti suscitano dubbi per tutti i gusti, congetture sul futuro, interpellanze. «Il ministro Trenta è la previsione di Crosetto, che conosce il ministero della Difesa come le sue tasche rischia di saltare, ancor prima di cominciare». Mentre l'ex parlamentare Fabrizio Cicchitto, che ha trascorso decenni dentro il Copasir, addirittura è terrorizzato: «Guardate che la Trenta ha una cattedra universitaria a Mosca. E lì per avere cattedre devi aver legami forti, non sei ad Harvard. Non vorrei che questa volta i russi siano riusciti nell'obiettivo che hanno fallito pure con il Pci: infiltrarsi nella Difesa». E se chiedi al grillino Angelo Tofalo, già membro la scorsa legislatura del Copasir, se questo argomento può trasformarsi nel «tallone di Achille» del governo, ti risponde con un laconico «può darsi».

Appunto, l'argomento è delicato. Del resto a stare appresso alla BBC alla Link Campus University è passato un professore, Joseph Mifsud, tirato in ballo nei rapporti tra Mosca e il comitato elettorale di Trump e adesso misteriosamente scomparso; nella proprietà dell'università come socio di minoranza, c'è poi un altro personaggio implicato in quei giri, il dottor Stephan Roh, imprenditore nel campo del nucleare in Inghilterra ma con grossi rapporti con la Russia. Ora, spazzando via ogni idea di caccia alle streghe, resta il fatto che «tecnici» arrivati direttamente da quell'Università hanno assunto ruoli nevralgici: oltre la professoressa Trenta al ministero della Difesa è pronta la poltrona di viceministro degli Esteri per Emanuela Del Re. E non è detto, anche se gli interessati lo escludono, che come rappresentante del movimento al Viminale, nel ruolo di viceministro, faccia capolino pure Paola Giannetakis, altra professoressa della Link.

Sotto questa luce e con queste storie, è chiaro che il tema del controllo dei servizi segreti è particolarmente «attenzionato». Motivo per cui, ad esempio, il premier Conte ha visto bene, a quanto pare, di tenere per sé le deleghe che riguardano gli apparati di intelligence, soprassedendo per ora sulla scelta del sottosegretario che dovrà occuparsene tra Vito Crimi e Tofalo. Come pure, sempre in quest'ottica, è evidente che la «voce» di affidare il controllo parlamentare dei servizi ad un esponente che, nei fatti, non provenga da una forza di opposizione a tutti gli effetti, suscita polemiche. Qualcuno dirà che si tratta solo di sospetti infondati. È probabile. Ma ieri il premier ha parlato in aula di «presunzione di colpevolezza». Una gaffe, un errore, ma, forse, anche un lapsus freudiano, che ci riporta a quel Pier Camillo Davigo, il magistrato che tanto piace a questo governo, che tempo fa espose una teoria terrificante: «Non esistono politici innocenti ma colpevoli su cui non sono state raccolte prove». La legge del contrappasso.

Commenti
Ritratto di Inquisitore

Inquisitore

Gio, 07/06/2018 - 09:07

secondo me è una cosa intelligente. bisogna capire quando dover delegare. e la Meloni o chi per lei.. nel settore difesa sono ottimi elementi. c'è poco da dire. saggia decisione!

peppino62

Gio, 07/06/2018 - 09:37

La Meloni ha capito tutto ....Brunetta no!!!

Lexius

Gio, 07/06/2018 - 10:14

...questa "prestigiosa" università resterà sempre una "nobile" filiazione del CEPU .....

steacanessa

Gio, 07/06/2018 - 11:04

Che facce di merenda i compagni. Hanno occupato tutto quello che avevano sottomano e adesso lamentano la perdita dei cadreghini. Comunisti, basta la parola.

ectario

Gio, 07/06/2018 - 11:11

Imprescindibile lavorare ad escludere velocemente DA TUTTO i comunisti o pseudo. Impedirà di avere dei guastatori di professione nei gangli della nazione ma, soprattutto, farà loro perdere clientele spudorate. Si ridurranno alla nullità, quello che meritano per il bene della nazione, che li sta ospitando da 70 anni. Latrocinii e sperperi a loro clientes piano piano e per un pò spariranno, poi si vedrà. Deve essere eradicato l’odio verso l’Italia e gli italiani insegnato dal putrido “migliore”, e ritorno all’Orgoglio Italia che, si badi, non è una esclusiva del fascismo.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 07/06/2018 - 11:18

Quando si ripete a pappagallo ciò che ti hanno imposto, è naturale che ci si impapini... ma è l'intervento di Sgarbi quello che lascia basiti: come può sostenere che Di Maio sia lo zerbino di Salvini? Eppure lo si evince in toto che è il contrario: dagli atteggiamenti, dalle esultanze dell'uno e non dell'altro, dallo stesso programma filo grullino anche quando si toccano argomeni portati aanti dal cdx..

ginobernard

Gio, 07/06/2018 - 11:45

quanti ipocriti in questo forum ... a loro una domanda. Cosa potrebbero fare i reduci comunisti in Italia senza avere il sostanziale e decisivo supporto della chiesa cattolica ? zero. Niente. Nulla. E mi venite a dire che Renzi è comunista ? oppure che Gentiloni lo è ? ma per piacere. Sanno di sacrestia lontano un miglio. E Minniti ? ... il duro. Basta una telefonata di Bagnasco che subito torna a cuccia. Con il PD lo stato laico ha toccato il suo punto più basso. Tanto valeva fare ministri direttamente i cardinali ... si faceva prima e c'erano meno confusioni. I comunisti in Italia non riescono più neanche a organizzare il festival della Unità ... sono allo sfascio totale e si devono nascondere dietro la tonaca dei preti. Se vogliono continuare a magnare senza lavorare. Il loro sport preferito.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 07/06/2018 - 11:52

Giorgia se proprio devi (mantengo sempre le mie perplessità), meglio il Copasir..

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 07/06/2018 - 11:52

.. che la Difesa ..

LeghistaCaddhipulinu

Gio, 07/06/2018 - 12:21

Rilassatevi coi "comunisti". Il piddì non ha più nulla a che vedere col partito di Gramsci e Togliatti (che a forza di rigirarsi nelle rispettive tombe le avranno ormai trivellate). Non per niente le classi lavoratrici ora votano M5s e Lega (e, guarda caso, Fi e Pd si stanno scoprendo affinità reciproche "inedite", eh eh !)

stedo54

Gio, 07/06/2018 - 12:26

Meglio la Meloni o Crosetto che qualche venduto, agli Usa, del PD.

Silvio B Parodi

Gio, 07/06/2018 - 14:00

NON DATE I SERVIZI SEGRETI AL PD, MA SIETE MATTI??? quelli sono pappa e ciccia con gli islamici e africani, DATE I SERVIZI SEGRETI A CHI AMA L'ITALIA, a Giorgia MELONI.!

agosvac

Gio, 07/06/2018 - 14:17

Questo Governo nasce sbilanciato ed alquanto debole. E' ovvio che cerchi di avere qualche sostegno distribuendo poltrone. La cosa comica è che la signora Meloni si era offerta di farne parte ed è stata sbattuta fuori.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 07/06/2018 - 14:24

--second attempt---cosa credete --anche la meloni ha un prezzo---anzi --per dirla tutta --i cosiddetti "patrioti tutti d'un pezzo" sono i più svalutati nel mercato delle mucche---

INGVDI

Gio, 07/06/2018 - 14:40

Crosetto ha auspicato un governo cdx-m5s sin da subito. Contraria la Meloni che aveva giurato niente inciuci. Do il rifiuto di Di Maio, ha cambiato parere più volte, ora si trova in stato confusionale e si è barricata nel limbo dell'astensione sperando che qualcuno la liberi per concedergli qualche poltrona che conta. Povera Giorgia.

igiulp

Gio, 07/06/2018 - 14:54

Ma sto ca..volo di Crosetto si deciderà una volta per tutte su che cosa farà da grande?

ilrompiballe

Gio, 07/06/2018 - 15:01

Ove si dimostra (se la notizia è vera) che la politica è una professione e la Meloni ne è specialista, mentre altri, specie in FI, rimangono dilettanti rosicanti. E mi dispiace constatarlo.

lavieenrose

Gio, 07/06/2018 - 15:08

con la francia con la spagna purchè se magna

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 07/06/2018 - 15:11

La Meloni è un'ottima scelta,per i sinistrossi e company rassegnatevi,riprenderemo tutto.

carlottacharlie

Gio, 07/06/2018 - 15:33

Affiderei alla Meloni i Servizi segreti senza batter ciglio, è donna capace e di polso, non usa ad esser serva. Riguardo la Rai fan bene a non darla in mano ai sinistri che già tanti danni hanno fatto in 50anni di egemonia in quei luoghi. Sono del parere che chi vince si prende tutto senza dar deleghe a chi ha affossato il paese, perchè eran sciocchi ideologizzati e tali rimarranno. Poi, cosa vuol dire dare i contentini? Son cose da comunisti per poter imperare indisturbati.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 07/06/2018 - 16:43

AHAHAHA i Russi che avendo paura della nostra difesa tentano di INFILASI dentro!!!!lol lol Questa e la piu divertente TEORIA dell'ultimo SECOLO!!!!!AMEN.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 07/06/2018 - 17:35

Sarebbe una splendida idea. speriamo solo che l'ìala sinistra di quel gran calderone chiamato m5s non si metta di traverso...

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Gio, 07/06/2018 - 18:43

Giusto, il PD s'è già strafogato di Poltrone per anni( c'hanno anche un tal Mattarella..). Stavolta digiuno. Nisba Servizi di Intelligens ai "collaborazionisti" degli amichetti del "profeta". NIET lo diciamo noi, stavolta.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Gio, 07/06/2018 - 19:04

Che razza di minzolinata... non è questo governo ad avere inaugurato l'epopea del pijo tutto io ma quello piddinoide.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 07/06/2018 - 19:49

sei invidiosa perchè sei esclusa dal governo.

Libero 38

Gio, 07/06/2018 - 20:12

Ogni giorno se ne sente una nuova.Il politico piu' pulito ha la rogna.La marmotta meloni dopo aver sbraidato per mesi contro la cricca grillina,ora sembra che voglia calarsi le mutande.