Gli affari degli Alfano: consulenze milionarie a moglie e amico

L'inchiesta dell'Espresso smaschera il conflitto d'interessi del titolare del Viminale. Alla consorte pensa la Consap dell'ex dg Rai Masi. Le poltrone di Gemma, dal cda di Eni all'appalto Expo da 630mila euro

Roma - Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha un problema di conflitto di interessi. È quanto rivela il settimanale l'Espresso sostenendo che alcuni incarichi pubblici sarebbero stati affidati a persone che fanno parte dell'entourage del fondatore di Ncd.

In primis, si tratta della moglie del ministro, Tiziana Miceli. Lo scorso 30 marzo la signora Alfano ha ricevuto dal presidente e amministratore delegato della Consap Mauro Masi (l'ex direttore generale della Rai) un «incarico professionale per la difesa in giudizio». Dai documenti pubblicati sul sito della società statale che si occupa di servizi assicurativi fornendoli «al ministero dell'Interno (di cui è titolare il consorte, ndr ) e a quello dello Sviluppo economico» emerge che l'avvocato Tiziana Miceli dello Studio RM-Associati (nel quale lavora anche Fabio Roscioli, legale del ministro Alfano) emerge che le consulenze ottenute dalla Consap tra la fine del 2014 e l'inizio del 2015 sono cinque. Non si tratterebbe di una novità perché in una dichiarazione firmata del 24 febbraio 2014 Miceli dichiarò di essere già «titolare di incarichi di assistenza legale conferiti da Consap» e di non avere altri incarichi nelle amministrazioni pubbliche. Gli «importi» della consulenza della consulenza deliberata a fine marzo, si legge sul sito, «saranno quantificati all'esito delle attività».

Il rinnovato interesse del settimanale che fa capo alla famiglia De Benedetti per la coniuge del titolare del Viminale riaccende le polemiche sulla scarsa trasparenza di casa Alfano. Nelle dichiarazioni patrimoniali depositate sul sito della Camera, infatti, il ministro non ha pubblicato né nel 2013 né nel 2014 i dati reddituali della moglie, a differenza del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Nulla da eccepire: la pubblicazione dei dati deve avere l'esplicito consenso del coniuge o del parente in generale. Nella fattispecie, però, una maggiore disclosure sarebbe sicuramente d'aiuto giacché l'Espresso afferma chiaramente che «Tiziana Miceli in passato ha ottenuto altri incarichi da alcune amministrazioni pubbliche siciliane (dalla Provincia di Palermo all'Istituto autonomo case popolari di Palermo) sempre controllate dal centro destra».

Nel 2014, aggiunge il giornale, la moglie di Angelino risulta aver difeso anche gli interessi di una società (la Serit) insieme al collega Angelo Clarizia. Si tratta di un noto amministrativista romano, docente della Sapienza e finito nel tritacarne mediatico nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti Mose. Secondo il vicedirettore generale del Consorzio Venezia Nuova (Cvn), Roberto Pravatà, Clarizia «si occupava di coltivare i rapporti con alcuni consiglieri del Consiglio di Stato» e «inviava al Cvn fatture senza pezze giustificative».

Ma c'è di più. Clarizia, scrive sempre l'Espresso , è socio in affari di Andrea Gemma. L'avvocato romano, docente alla Terza Università di Roma, è stato nominato in quota Tesoro consigliere di amministrazione dell'Eni. Lo studio Gemma & Partners, mandante Angelo Clarizia, si è aggiudicato due anni fa in raggruppamento temporaneo d'impresa con lo Studio Maresca un appalto da 629.850 euro Iva esclusa da Expo 2015 per «l'affidamento dei servizi di assistenza legale stragiudiziale». L'Espresso ha scoperto che «i due avvocati avrebbero difeso di recente gli interessi del Nuovo Centro Destra»: il conflitto sarebbe perciò evidente.

Il quarantaduenne Andrea Gemma è stato sempre inviso alla stampa di centrosinistra giacché la sua carriera è pressoché sincrona a quella di Alfano del quale fu consulente nel 2010 al ministero della Giustizia (incarico da 100mila euro) per la stesura del Piano Carceri. Sia Alfano che Gemma sono allievi del professor Salvatore Mazzamuto, sottosegretario alla Giustizia nel governo Monti. Gemma ha ottenuto numerosi incarichi pubblici. Dal sito internet di Eni si rileva che è commissario straordinario di Valtur (nominato dall'ex ministro dello Sviluppo Paolo Romani, liquidatore di Novit Assicurazioni e Sigrec (gruppo Unicredit). È inoltre componente dell'Arbitro Bancario finanziario su nomina di Bankitalia. Inoltre è presidente, per volere dell'Agenzia per i beni confiscati, di Immobiliare Strasburgo srl, una holding palermitana.

Sdegnata la replica del ministro Alfano. «Non appagato dalla recente condanna per diffamazione ove mi è stato riconosciuto il danno subito, l'Espresso replica il disegno denigratorio nei confronti miei e di mia moglie costruendo scenari mistificatori», si legge in una nota nella quale si parla di «disinformazione mirata» e «doloso e reiterato intento diffamatorio».

Commenti

APG

Ven, 17/04/2015 - 22:17

E qualcuno crede ancora che i problemi dell'immigrazione gli tolgano il sonno? A questo individuo di riempire l'Italia di tutta la feccia del mondo non frega una beata fava!!

angelovf

Ven, 17/04/2015 - 22:36

Questo è l'idealismo di Alfano, salvare l'Italia ? O per salvare se stesso? Si spiega il motivo di questo amore improvviso per la sinistra, i suoi degni compari, e non contesse più balle, i traditori siete tutti uguali, tutto è solo per interesse personale, mai per il popolo Italiano.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Ven, 17/04/2015 - 22:39

Ecco perché non molla la poltrona,LE FRUTTA

Accademico

Ven, 17/04/2015 - 22:54

Se scrivo che anche questa è una figura di Mxxxa - perchè di Mxxxa si tratta - mi domando perchè in sede di pubblicazione, la parola Mxxxa venga criptata.

masbalde

Ven, 17/04/2015 - 22:55

E' il solito voltagabbana ex-democristiano: comprereste da lui un'auto usata? io no.

opinione-critica

Ven, 17/04/2015 - 23:08

Qualcuno pensava che Alf-Ano ha tradito Berlusconi ed è uscito da F.I. perché pensava in modo politicamente diverso? Alf-Ano rappresenta la figura tipo della Sicilia? Povera Sicilia e poveri noi, con un ministro dell'invasione del suo calibro aspettiamoci attentati durante l'estensione della Sindone a Torino e durante il Giubileo a Roma. Le forze dell'ordine che difendono lo Stato verranno punite comunque: dai terroristi islamici o dal ministero dell'interno o dalla magistratura. Il caso Diaz insegna.

jeanlage

Ven, 17/04/2015 - 23:26

Non per niente è il ministro degli Affari Interni.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 17/04/2015 - 23:27

Cosa ci si deve aspettare da uno che ha truffato il mandato degli elettori del PdL per avvinghiare una poltrona al governo? E quel che è peggio DIVENTARE L'UTILE IDIOTA DEI TRINARICIUTI?

Triatec

Ven, 17/04/2015 - 23:31

Quante malelingue, quanta gente cattiva e ignorante che non riesce a capire che lui (Alfano), fa tutto questo per il bene dell'Italia.

tormalinaner

Sab, 18/04/2015 - 00:04

Adesso abbiamo capito perchè lupi è diventato capogruppo, il maestro premia il discepolo. Abbiamo anche capito perchè Alfano non molla Renzi, affari di famiglia.

magnum357

Sab, 18/04/2015 - 00:41

Vigliacco e traditore della patria !!!!!!!!!!!!!!

marlow

Sab, 18/04/2015 - 02:32

Quousque tandem...

vacabundo

Sab, 18/04/2015 - 07:35

Per molto meno ha fatto dimettere il suo ministro ed amico, dice lui,Lupi.Adesso se è coerente ed uomo con le palle e politico onesto e serio come va dicendo in giro, si DIMETTA SUBITO.fRA NON MOLTO SI SCOPRIRA'CHE CI GUADAGNA ANCHE CON GLI IMMIGRATI COME ANDAVA DICENDO LA MAFIA CAPITOLINA CHE GLI IMMIGRATI FACEVANO GUADAGNARE PIù DELLA DROGA.ALFANO, D I M E T T I T I.RENZI, MANDA A QUEL PAESE IL GRUPPO DI ALFANO,ADESSO NON RENDONO PIù A NOI.

tatoscky

Sab, 18/04/2015 - 08:02

Alfano mafioso, che scoperta, e Renzi???

Duka

Sab, 18/04/2015 - 08:03

I BUFFONI SI ANNUSANO : per ciò sta al governo

buri

Sab, 18/04/2015 - 10:56

in ordine alfabetico, ecco la treiade della ciagure nazionali, Alfano l'incapace, Boldrini la ditrutrice e Renzi il chiachierone, la trimurti che regge le nostre sortiw con l'aiuto dei Kompagni e dei magistrati che emettono sentenze non sulla base del dirotto ma secondo di chi è l'imputato

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 18/04/2015 - 13:14

MA COME VI PERMETTETE DI PENSARE MALE lo sta facendo per il bene dell'itaglia

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 18/04/2015 - 13:53

L'amico è suo o della moglie? A un parassita leccaculo come lui,un paio di corna donererebbero.