Alias, falsi indirizzi e età misteriosa. Così delinquere diventa più facile

Il vigile urbano ucciso a Milano, le sorelle arse vive a Roma. Senza dati precisi le inchieste penali sono un rompicapo

«Abitiamo al campo rom di via Monte Bisbino». Quando le acciuffarono dopo che avevano svaligiato la casa del sindaco Beppe Sala, le giovani nomadi non ebbero difficoltà a dare il loro indirizzo: uno degli insediamenti più noti e problematici di Milano. Peccato che quando le Volanti andarono al campo per cercare la refurtiva, scoprirono che le ragazze lì non avevano mai messo piede. Capire dove vivessero davvero era praticamente impossibile. Solo una botta di fortuna, una telefonata triangolata in diretta con una complice, portò ad arrivare al loro vero domicilio: una bella villa, non una roulotte o una baracca, in cui erano imboscati borsette, gioielli, orologi, telefoni. I proventi di una intensa attività di svuotamento di abitazioni.

Ed è questo il film che va in onda tutte le volte in cui una indagine penale porta a scavare nell'universo del nomadismo: un universo a parte, dove dati banali - nomi, cognomi, anni e luoghi di nascita - si perdono nella vaghezza e svaniscono in sfilze di alias, di consonanti che vanno e vengono e fanno impazzire i computer. Individuare i colpevoli o anche i semplici sospettati diventa così una fatica di Sisifo. Ne sanno qualcosa gli investigatori della Mobile di Roma che l'anno scorso dovettero scavare nell'orrore della baraccopoli di via Salviati, dove tre sorelle rom erano state bruciate vive nel loro camper da altri rom: e ricostruire passo per passo la faida di odi e di affari tra gli Halilovic e i Seferovic, accoppiando a ogni nome e soprannome un nome certo, un ruolo, un posto di vita, richiese settimane.

Il problema è che fin dall'inizio, dalla nascita, sopratutto se avviene all'estero, i rom non vengono registrati. E se nascono in un ospedale pubblico italiano, quello è il loro primo e ultimo contatto col mondo dell'anagrafe. La prima conseguenza, in ordine di tempo, è un'evasione drammatica dell'obbligo scolastico. La seconda è l'ingresso nell'area della marginalità e della devianza di migliaia di giovani sostanzialmente non rintracciabili e non identificabili. Un dato cruciale come l'esatta data di nascita, che determina anche le soglie di imputabilità, è spesso aleatorio. Quando un vigile urbano a Milano venne travolto e ucciso da due rom, per capire se l'autore del delitto fosse davvero minorenne fu necessario del bello e del buono. E i carceri minorili di tutta Italia pullulano di detenuti di origine nomade la cui età effettiva è assai vaga.

Ma il vero problema, in assenza di un censimento della popolazione nomade, è la mancanza di un data base paragonabile a quello della popolazione italiana, da utilizzare per dare la caccia ai responsabili di reati. Le forze dell'ordine lo sanno, e rimediano a modo loro con blitz periodici che, con un pretesto qualunque, puntano a catalogare gli ospiti dei centri, per sapere dove andarli a beccare in caso di guai: è successo nei giorni scorsi sia a Merano che nel Bergamasco. Ma sono fotografie parziali e destinate a ingiallire presto, in assenza di un piano nazionale.

La nebbia è così fitta che a volte diventa difficile anche identificare i morti: come accadde per il ladro che nel 2015 venne ucciso da un benzinaio vicentino, e che rimase per un giorno intero senza nome. Ma il vero rompicapo è orientarsi nelle composizioni delle famiglie, nei rapporti tra clan che spesso degenerano in faide violente, come quella che nell'agosto scorso a Trescore Balneario portò due gruppi di rom a affrontarsi a revolverate in un parcheggio, e piovevano proiettili 9x21 come nel Far West; o quella che nei giorni scorsi a Firenze ha scatenato l'inseguimento costato la vita a un giovane uomo in motorino. In assenza di una anagrafe, orientarsi in queste dinamiche è quasi impossibile. E forse anche la celebre fuga di Igor il Russo sarebbe finita prima se i complici di cui godeva l'appoggio nei campi nomadi di Berra, a ridosso del Po, avessero avuto nome e cognome.

Commenti

Giorgio5819

Mer, 20/06/2018 - 10:22

TUTTI, TUTTI, tranquillamente adagiati nell'illegalità... ma guai a toccarli ! Ladri per cultura, per genetica, ma tanto simpatici alle sinistre !! E gli italiani devono rispettare le leggi, quelle sulle quali loro, sistematicamente, defecano da mattina a sera.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 20/06/2018 - 10:25

Esattamente quello che è concesso agli Italiani. Che nell'attività quotidiana devono presentarsi con i documenti tra i denti. Pena sanzioni di ogni tipo.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 20/06/2018 - 10:28

Bravo Luca Fazzo! Lei ha rappresentato al meglio la situazione attuale. Adesso, però, provi a chiedere al suo datore di lavoro perché in tutta questa vicenda non ha detto una sola parola, magari dimostrandosi anche solo un pochino d'accordo il suo alleato attualmente Ministro degli Interni! Ha paura di inimicarsi qualcuno? O, più semplicemente, chi prova ad affrontare certi argomenti va a finir male?

Duka

Mer, 20/06/2018 - 10:29

Quindi secondo i COMUNISTI questa sarebbe gente onesta ?

killkoms

Mer, 20/06/2018 - 10:30

per i buonisti,quando sono "esclusi",li definiscono "invisibili"!quando si cerca di sapere chi sono è "discriminazione"!

jaguar

Mer, 20/06/2018 - 10:39

Lo sanno tutti come vivono questi signori, trovarne uno che vive nella legalità è un'impresa, solo la sinistra ha la sfrontatezza di difenderli.

steacanessa

Mer, 20/06/2018 - 10:39

I diritti delle persone diverse dai diversi non esistono. Sì, diversi per loro scelta e quindi DIVERSI. Al diavolo il sinistrume tutto e i seguaci dell’antipapa, vogliono farci vivere male per far vivere bene chi ignora la legge, il rispetto del prossimo e via andare. Che branco di beline!

pardinant

Mer, 20/06/2018 - 10:40

Buongiorno, speriamo per tutti! Aggiungiamo anche, per coloro che sicuramente non si sono ancora svegliati del tutto, che per certe categorie, tutte le sanzioni amministrative alla base del nostro ordinamento civile, sono solo carta per il cesso, e quindi è assolutamente inutile alzarne l'importo in modo spropositato (come nel CdS vedi cinture, casco, uso telefonino, velocità, assicurazione, tassa di possesso ecc. ecc.) se vogliono, e molto spesso lo vogliono, non le pagheranno mai, le collezioneranno e basta.

titina

Mer, 20/06/2018 - 10:47

Come si fa il censimento nei comuni si faccia un censimento per chi vive nei campi in capanne, ecc ecce, senza pensare se sono italiani o stranieri, si tratta di controllare chi vive lì. non importa la nazionalità , il sesso o la religione, dunque non è contro la Costituzione. Così va bene?

Ritratto di saggezza

saggezza

Mer, 20/06/2018 - 10:59

Non trovo niente di strano e di anomalo. Gli Italiani non sono forse registrati all'anagrafe e periodicamente vengono censiti? È sempre stato fatto. Poi dove vanno a finire i milioni di euro elargiti ai rom? Falcone e Borsellino dal cielo aiutateci.

giuromani

Mer, 20/06/2018 - 11:00

Io e la mia famiglia siamo stati censiti nel 1961, 1971, 1981, 1991, 2001 e 2011. Sono censito dall'ASL, dall'Agenzia delle Entrate, dalla Camera di Commercio, dall'Ordine Professionale, dall'Istituto di Vigilanza, dal Comune, dalla provincia, dalla Regione, dal Consorzio di Bonifica, dal Casellario Giudiziario, dal Catasto, dalla Motorizzazione, dalla Parrocchia. Può bastare?

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 20/06/2018 - 11:00

NON HO CAPITO PERCHE' IO DEVO ESSERE CENSITO E CONTROLLATO ANCHE NEL CONTO BANCARIO E I ROM NON POSSONO USUFRUIRE DI QUESTA OPPORTUNITA'....E' PER CASO RAZZISMO AL CONTARRIO ?PENSO PROPRIO DI SI'!!!!!!!

frabelli1

Mer, 20/06/2018 - 11:03

Mi stupisco dei sollevamenti degli snob sull’anafrafe dei Rom o di altri cittadini senza fissa dimora. Tutti nel mondo sono “schedati” se per schedatura si intende Documento d’Identità. Tutti l’abbiamo, sin dalla nascita quindi perché loro no?

Blueray

Mer, 20/06/2018 - 11:05

A me è stato insegnato che se uno determinate cose non le fa con le buone gliele fai fare con le cattive e alla fine il risultato si ottiene. Che sia colpa della sinistra compiacente e dello spirito cattocomunista che ha permeato per decenni questo scalognato Paese? O dell'incuria e del lasciar fare del cdx che non ha mai voluto sporcarsi le mani con queste situazioni da quarto Mondo? Buone entrambe, la uno e la due, e sopratutto il fatto che incaponirsi in queste situazioni marce e deteriorate non produce pil e neanche ciò di cui la politica ha sempre avuto appetito e che per non farmi censurare dirò genericamente... il 2 per mille, tanto s'è capito.

zadina

Mer, 20/06/2018 - 11:08

Il controllo dei rom e sui campi è indispensabile, finalmente Salvini è il primo ministro che si impegna a controllare le persone che vivono nei campi rom il degrado in cui vivono creato da loro stessi, non mandano i figli nelle scuole, si allacciano abusivamente a linee elettriche, alle condutture di acqua senza pagare un centesimo è una cosa vergognosa, la sinistra che critica ha sempre permesso questi abusi, in oltre sta cercando di contenere la invasione di clandestini che stanno lentamente colonizzando la nostra nazione, la sinistra non ha ancora capito che è stata punita alle ultime elezioni proprio per questi motivi e ancora insiste con quelle posizioni, il popolo vuole ordine, sicurezza sulle strade e in casa propria, tranquillità, e lavorare in santa pace. ( Chi è causa del suo male pianga se sesso) avanti popolo alla riscossa.

SAMING

Mer, 20/06/2018 - 11:11

E' semplicemente rivoltante sentire la sinistra difendere senza alciuna ragione questa popolazione room che vive senza regole, non paga le tasse, non manda i suoi figli a scuola e li educa a rubare ed a deinquere in qualsiasi modo. Vergogna !

DRAGONI

Mer, 20/06/2018 - 11:11

FRUTTO DI UNA ESPERIENZA CULTURALE E DI VITA MILLENARIA!!

rudyger

Mer, 20/06/2018 - 11:12

comunisti infami, alla siciliana.

Dordolio

Mer, 20/06/2018 - 11:18

Tutto questo si sapeva da tempo immemorabile. E ora che comunque E' DETTO PUBBLICAMENTE, che si fa? Rimedi? Provvedimenti? Si potrebbero fare una quantità di cose, intendiamoci. Ma non essendo nessuna POLITICAMENTE CORRETTA e in linea con la corrente morale buonista siamo al palo di partenza. E ciccia...

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 20/06/2018 - 11:31

Da sempre questa gentaglia ruba e si fingno bambini,con documenti falsi,ma cosa importava,votavano PD.

moichiodi

Mer, 20/06/2018 - 11:31

Rom e migranti. E l'italia va..... Quelli che non arrivano alla quarta settima devono accontentarsi degli 80 euro di renzi o del rei.aspetto il 31 dicembre per vedere che finanziaria faranno

Renee59

Mer, 20/06/2018 - 11:33

Sinistri non lamentatevi se sparirete dalla faccia della terra. Amate i Rom, gli invasori, i delinquenti, l'illegalità, ma non gli italiani. Complimenti.

moichiodi

Mer, 20/06/2018 - 11:33

Già gli zingari.....mentre ci sono territori gestiti dalle mafie dover non entra nemmeno la polizia. Tutta stupida propaganda dal fiato corto

Lugar

Mer, 20/06/2018 - 11:34

Bisogna saper perdere, la sinistra non riesce ancora a capacitarsi. Ha una atteggiamento che favorisce la destra in tutte le manifestazioni.

scarface

Mer, 20/06/2018 - 11:37

Solo un criminale difende i criminali. Magistratura in primis...

blues188

Mer, 20/06/2018 - 11:43

Cosa aspettava B. a farlo lui mentre si vantava di essere al potere e portava le femmine a casa cas per scopare? Salvini sarà anche ignorante, ma sta facendo le cose giuste.

PEPPINO255

Mer, 20/06/2018 - 11:50

Foto e impronte digitali, ma non per i ROIM, bensì per tutti, a partire dai LEGHISTI...!!!

NoSantoro

Mer, 20/06/2018 - 12:05

Guarda caso per Beppe Sala la polizia triangola le telefonate e incappa nei colpi di fortuna per recuperare la refurtiva.

Lugar

Mer, 20/06/2018 - 12:06

Comunque l'occidente è proprio conciata, tra gli Usa in ristrutturazione politica e economica, l'Europa più che mai divisa e pronta a collassare, mi chiedo che fine faremo.

internauta

Mer, 20/06/2018 - 12:09

Articolo illuminante, da appendere ovunque e far girare in rete. Un punto di vista che possibilmente farà ricredere più di qualcuno. Complimenti all'autore.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mer, 20/06/2018 - 12:10

I ROM vivono in un mondo parallelo, al di sopra della LEGGE per la quale non esistono. Non hanno uno straccio di documento veridico però, quando gli serve, corrono al Pronto Soccorso a farsi curare a spese della collettività. E i cattocomunisti continuano a difenderli!

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 20/06/2018 - 12:11

... e c'è chi li difende!!!

Gianni11

Mer, 20/06/2018 - 12:16

Non sono italiani, non lo saranno mai. Sono zongari incivili e non possono vivere in una nazione civile. Vanno schedati per RAZZA e espulsi verso l'India da dove provengono. La costituzione scritta dai vincitori comunisti e giudei va riscritta. Nessun "campo rom". Che cavolo significa? Che io posso accamoparmi dove mi pare e ignorare tutte le leggi? Basta con queste fesserie che distruggono il NOSTRO PAESE. I komunisti possono andare all'inferno. Piazza pulita! Dispiace notare che il M5S e' cosi' debole e senza spina dorsale. Sveglia. Dell'UE e dei komusti ce ne freghiamo. Se stiamo a sentire loro l"italia e il popolo italiano si deve suicidare. E perche'? Per i rom? Per gli africani? Per gli usurai internazionali? Abbasso loro, NON NOI! Viva l'Italia LIBERA E SOVRANA! Basta con i lacci komunisti.

VittorioMar

Mer, 20/06/2018 - 12:27

..i ROM ormai sono come le Suocere ...Purtroppo te le devi tenere !!

giagir36

Mer, 20/06/2018 - 12:36

Ma i 5 stelle dicono che il censimento dei ROM non è nel "contratto di governo"e quindi non si deve fare.

giancristi

Mer, 20/06/2018 - 12:45

I rom, in maggioranza, vivono nella illegalità. Ma non si possono toccare. Dopo Hitler sono al di là del bene e del male! Subito protestano i cattolici, i piddioti, buonisti vari. Sono continui i casi di borseggi ai danni di turisti. Se non si può fare un censimento su base etnica, si faccia un censimento di coloro che non sono noti allo Stato italiano, pur risiedendo sul nostro territorio.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 20/06/2018 - 13:00

Questi ladri parassiti sono accumunati ai panda, protetti per legge, vivono al di fuori delle leggi a cui gli italioti devono sottostare.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mer, 20/06/2018 - 13:10

Un mio amico si è trasferito in Spagna, Barcellona per la precisione, dopo un anno fa ritorno per salutare familiari e amici, gli chiedo come si trovi e il discorso alla fine cade sulla microcriminalità, mi risponde che non si dorme con le porte aperte, ma la Guardia Civil fa il suo dovere e la vedi presente sul territorio, e quando si parla di zingari mi risponde che anche da loro ci sono, si riconoscono perché frugano nella spazzatura, ma se provano a comportarsi come quelli italiani fanno una brutta fine, da noi sono protetti come i panda, chissà perché nessuno dei tanti buonisti ne vorrebbe uno come vicino di casa... ipocriti.

Malacappa

Mer, 20/06/2018 - 13:36

Noi come italiani abbiamo documenti di tutti i tipi per dimostrare chi siamo sti delinquenti invece no, senno' e' discriminazione e' razzismo

ziobeppe1951

Mer, 20/06/2018 - 13:42

moichiodi ...non ho capito il paragone mafiosi-zingari..forse i mafiosi non sono censiti?

batracomiomachie

Mer, 20/06/2018 - 14:02

@Gianni11 ha finito le pillole e i testi di grammatica italiana? Su faccia il bravo che le fa male...

batracomiomachie

Mer, 20/06/2018 - 14:03

@Gianni11 ha finito le pillole e i testi di grammatica italiana? Su faccia il bravo che le fa male...

batracomiomachie

Mer, 20/06/2018 - 14:04

@Gianni11 ha finito le pillole e i testi di grammatica italiana? Su faccia il bravo che le fa male...

ohibò44

Mer, 20/06/2018 - 17:13

Anche i rom, come chiunque altro, devono sempre essere in grado di dimostrare la loro identità, perciò siano obbligati ad avere Carta di Identità o Passaporto o Patente. Se non hanno documenti vengano obbligati a munirsi della Nuova Carta di Identità Elettronica. Come qualunque cittadino.